It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

Dubai, raddoppia la fabbrica dei latticini "italiani"

Mozzarella tricolore con autentico latte emiratino

Lo stabilimento della Italian Dairy Products, localizzato nello Sharjah Food Park, alla periferia di Dubai negli Emirati Arabi, ha inaugurato il raddoppio dell'area produttiva che si estende ora su una superficie di circa 5mila mq, con l'obiettivo di espandere ulteriormente l'espansione negli UAE e negli altri mercati del Golfo. L'annuncio è stato dato dalla Hamriyah Free Zone Authority (HFZA) che gestisce l'area industriale di Sharjah Food Park.

L'azienda produce "italian cheese" - mozzarella, ricotta, mozzarella di bufala, burrata, scamorze - utilizzando esclusivamente 4.800 ton di latte prodotto da mucche emiratine per produrre ogni anno circa 500 ton di latticini.

Commentando l'ampliamento della fabbrica, il direttore generale e proprietario assieme ad altri soci di Italian Dairy Products, Leo Condemi, ha dichiarato: “Avendo assistito alla crescente domanda di prodotti realizzati con ingredienti locali di alta qualità mescolati a competenze italiane innovative, abbiamo preso la decisione di raddoppiare l'area della fabbrica per soddisfare tali richieste. Lo stabilimento originale era stato inaugurato nel 2009. Ora guardiamo avanti per penetrare in nuovi mercati del Golfo".

Il sito della società spiega che "per rispettare la tradizione casearia italiana e garantire la genuinità e la qualità dei nostri prodotti, abbiamo importato tutte le nostre attrezzature dall'Italia. La produzione è svolta esclusivamente da casari artigianali specializzati con esperienza professionale in aziende lattiero-casearie italiane".

In una intervista al sito Dubaitaly Condemi spiegava che "il latte lo compriamo ad Al Ain, da una fattoria, non troppo grande, che fornisce anche Al Ain Factory. Il latte qui è molto buono, ha un po’ meno proteine rispetto al nostro latte in Italia, però a livello di grassi è perfetto per fare la mozzarella. La domanda che mi fanno tutti gli chef è “come fanno a vivere qui le mucche?”. Io rispondo sempre nello stesso modo: in Italia non esistono più i pascoli, le mucche dove nascono muoiono, e qui è lo stesso. Mangiano fieno importato dagli Stati Uniti, dal Sud Africa o dall’Australia e vivono in grandi stabilimenti con l’aria condizionata. In pochi sanno che l’Arabia Saudita, dopo Irlanda, Germania e Usa, è il quarto paese al mondo per la produzione di latte. Poi compriamo l’acqua desalinizzata, la pastorizziamo, la filtriamo e poi la utilizziamo nella produzione. Quanto al caglio, utilizziamo il caglio microbiologico vegetale. Tre anni fa abbiamo cominciato il progetto della mozzarella di Bufala. Per produrla compriamo il latte congelato e concentrato dall’Italia, dall’azienda Mandara. Una volta scongelato, il latte viene quindi mischiato con l’acqua e torna ad essere latte perfetto. Non può avere ovviamente il marchio DOP ma per noi è DOP ugualmente: Dubai Original Product".

I clienti di Italian Dairy Products sono gli hotel, i ristoranti, il catering, le compagnie aeree, Emirates ed Etihad, e diversi supermercati come Carrefour, Spinney, Waitrose, Geant, Lulu, Choitram.

agu - 13008

EFA News - European Food Agency
Similar