It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

Cia: export agroalimentare Made in Italy regge al Covid

Fatturato di 26,1 miliardi di Euro tra gennaio e luglio

Gli effetti della crisi globale causa pandemia, non sembrano arrestare le esportazioni del Made in Italy agroalimentare in ogni parte del mondo. E' ciò che afferma Cia-Agricoltori Italiani nel commentare i dei dati Istat pubblicati nella giornata di oggi. I dati parlano chiaro: il settore ha fatturato 26,1 miliardi di Euro tra gennaio e luglio in merito alle esportazioni, e ha avuto una crescita complessiva del 3% rispetto allo stesso periodo del 2019. 

Segnali di ripresa che compensano in qualche modo i mesi bui trascorsi durante il lockdown. L'analisi mostra una riduzione del 5% per le importazioni di cibo e bevande, producendo un surplus della bilancia agroalimentare nazionale che sfiora il miliardo di Euro e rende il Paese esportatore netto nei primi sette mesi del 2020. Cresce l'export dell'agroalimentare italiano in Germania, con +6% di esportazioni, in Francia (+3,4%), negli Usa (+5%), nel Regno Unito (+5%) e in Giappone (+9%).

Cia ha osservato che di fronte a queste percentuali, ciò che preoccupa maggiormente è  l’andamento negativo dei negoziati tra UE e UK post Brexit, "considerato che un “no deal” colpirebbe l’Italia in modo significativo, mettendo a rischio gli scambi commerciali con quello che è il quarto mercato di riferimento mondiale per le esportazioni di cibo nazionali".

"Più in generale, i segnali incoraggianti di questi mesi non bastano a invertire la tendenza. Per rilanciare sul serio il Made in Italy all’estero, riportandolo ai livelli pre crisi dopo il freno imposto dall’emergenza, serve un grande piano nazionale strategico che, riaffermando il ruolo economico, sociale e ambientale di agricoltura e agroalimentare, punti sempre di più su innovazione e digitalizzazione. In tal senso, l’implementazione interna del Next Generation Eu rappresenta un’opportunità da cogliere assolutamente", commenta Cia.       

 Leggasi anche EFA News 1 e 2

hef - 13448

EFA News - European Food Agency
Related
Similar