It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

Istat conti economici pubblici II Quarter 2020

Deficit-Pil al 10,3%. Sui conti pesa l'effetto Covid /Allegato

Prodotto interno lordo, valore aggiunto, consumi, investimenti, domanda estera

L’Istat rende disponibili le nuove serie dei conti economici trimestrali coerenti con la revisione dei conti nazionali diffusa lo scorso 22 settembre e che ha riguardato gli anni 2018 e 2019. Sulla base dell’attuale politica di revisione, i conti trimestrali grezzi e destagionalizzati sono rielaborati per l’intera lunghezza delle serie, ovvero a partire dal primo trimestre 1995 per quanto riguarda i dati a prezzi correnti e dal primo trimestre 1996 per i dati in volume.

Nel secondo trimestre del 2020 il prodotto interno lordo (Pil), espresso in valori concatenati con anno di riferimento 2015, corretto per gli effetti di calendario e destagionalizzato, è diminuito del 13% rispetto al trimestre precedente e del 18% nei confronti del secondo trimestre del 2019.

I dati del Pil diffusi il 31 agosto 2020 avevano registrato cali del 12,8% in termini congiunturali e del 17,7% in termini tendenziali.

Il secondo trimestre del 2020 ha avuto una giornata lavorativa in meno sia rispetto al trimestre precedente, sia rispetto al secondo trimestre del 2019.

La variazione acquisita per il 2020 è pari a -14,8%.

Rispetto al trimestre precedente, tutti i principali aggregati della domanda interna sono in diminuzione, con cali dell’8,5% dei consumi finali nazionali e del 16,2% degli investimenti fissi lordi. Le importazioni e le esportazioni sono diminuite, rispettivamente, del 20,6% e del 26,4%.

La domanda nazionale al netto delle scorte ha contribuito per -9,6 punti percentuali alla contrazione del Pil: -6,8 punti i consumi delle famiglie e delle Istituzioni Sociali Private ISP, -2,9 punti gli investimenti fissi lordi e +0,1 punti la spesa delle Amministrazioni Pubbliche (AP). Anche la variazione delle scorte e la domanda estera netta hanno contribuito negativamente alla variazione del Pil, rispettivamente per -1,2 e -2,3 punti percentuali.

Si registrano andamenti congiunturali negativi per il valore aggiunto in tutti i principali comparti produttivi, con agricoltura, industria e servizi diminuiti rispettivamente del 3,7%, del 20,5% e dell’11,3%.

Ulteriori dettagli nel testo integrale allegato in basso a questa EFA News.

Attachments
CTim - 13806

EFA News - European Food Agency
Similar