It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Peste suina, per l'Ue la Sardegna rimane sotto osservazione

Epidemia persistente a causa della riproduzione incontrollata dei cinghiali

Risposta di Stella Kyriakides a nome della Commissione europea (20.10.2020)

Gli audit della Commissione del 2013 e del 2016 hanno individuato alcune carenze nei controlli ufficiali condotti in Sardegna in merito alla registrazione dei suini e al contenimento dell'infezione. Sono stati inoltre ravvisati due dei principali fattori che contribuiscono alla persistenza della peste suina africana in Sardegna, ossia la presenza di un gran numero di suini allo stato brado non registrati e una popolazione di cinghiali non controllata. Negli ultimi anni la Sardegna si è impegnata ad attuare interventi volti ad affrontare tali carenze.

Gli esiti della missione conoscitiva effettuata dalla Commissione a giugno 2019 mostrano che la Sardegna sta procedendo nella direzione giusta. I suini allo stato brado continuano tuttavia a costituire un problema e alle autorità veterinarie resta molto lavoro da fare per debellare le restanti sacche di questa malattia persistente nei suini domestici e nei cinghiali. La Commissione potrebbe prendere in considerazione una revisione delle misure di regionalizzazione dell'UE per allentare le restrizioni attualmente applicabili alla Sardegna soltanto in seguito all'esito positivo di una sua missione di audit di follow-up volta a valutare gli ulteriori progressi delle autorità veterinarie sulle questioni di cui sopra.


Di seguito l'interrogazione alla Commissione degli on. Carlo Fidanza (ECR), Nicola Procaccini (ECR), Raffaele Stancanelli (ECR), Raffaele Fitto (ECR), Sergio Berlato (ECR), Pietro Fiocchi (ECR), del 28/8/2020.

Oggetto: Situazione della peste suina africana in Sardegna

La regione Sardegna è impegnata nell'attuazione di misure e protocolli volti all'eradicazione della peste suina africana (PSA) dal 1978, al fine di salvaguardare un comparto fondamentale per l'intero sistema economico dell'isola.

La direttiva 2002/60/CE del Consiglio ha stabilito le misure minime da applicare all'interno dell'Unione e, con la decisione 2005/362/CE, la Commissione ha approvato il piano presentato dall'Italia per l'eradicazione della PSA in Sardegna.

In seguito, con la decisione 2014/709/UE, sono state stabilite ulteriori misure di protezione da applicarsi, fatti salvi gli approvati piani di eradicazione, negli Stati membri interessati dal fenomeno – Estonia, Lettonia, Lituania, Polonia e Italia – avuto riguardo alle aree specificamente indicate nell'allegato della decisione.

Ultimamente in Sardegna si è determinata una notevole flessione dell'incidenza della PSA e sono presenti più di 450 aziende suinicole virtuose, indenni dalla peste suina e certificate secondo le regole della biosicurezza. Ciò nonostante l'intero territorio regionale è stato comunque incluso nella parte IV dell'allegato della citata decisione, con conseguente divieto di esportazione, per il quale di fatto non è possibile ottenere alcuna deroga.

Ciò premesso, può dire la Commissione come intende intervenire al fine di evitare che la Sardegna rimanga ancora compresa, ingiustamente, tra i territori soggetti alle citate restrizioni?

agu - 14179

EFA News - European Food Agency
Similar