It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram

Castagneti, meno oneri per i produttori

Il Mipaaf esonera da compensazioni ambientali sproporzionate

Confagricoltura Campania informa che la trasformazione del bosco di castagno in castagneto da frutto non sarà più oggetto di interventi compensativi a carico del castanicoltore che potrà così intervenire senza oneri aggiuntivi per tutelare la propria produzione, sempre più spesso attaccata da avversità fungine e da insetti fitofagi, come il Cinipide galligeno del castagno. Questo è quanto contenuto nel decreto attuativo del ministero alle Politiche agricole, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 256/2020, con cui si è provveduto alla “Adozione delle linee guida relative alla definizione dei criteri minimi nazionali per l'esonero dagli interventi compensativi conseguenti alla trasformazione del bosco”. Si è giunti alla definizione delle linee guida dopo un percorso condiviso al tavolo della filiera foresta-legno, a cui ha partecipato anche l'organizzazione degli agricoltori, formulando puntuali osservazioni al testo normativo in gestazione.

Il decreto vieta gli interventi di trasformazione del bosco, autorizzando esclusivamente quelli che non determinino un danno ambientale e che siano stati preventivamente autorizzati. Viene indicata però una casistica in cui si esclude l’obbligo della compensazione.

“In particolare viene accolta la richiesta di Confagricoltura Campania di esonerare dalle compensazioni quelle volte alla conversione di boschi di castagno in castagneti da frutto, con l’obbligo di ritorno alla destinazione originaria nel caso in cui cessi l’attività di coltura castanicola prima che siano decorsi almeno dieci anni dall’inizio delle attività stesse", spiega il presidente dell'organizzazione regionale, Fabrizio Marzano.

Si tratta di un provvedimento importante per la Campania, dove la coltivazione del castagno è diffusa in circa 50 comuni, estesa su quasi 160mila ettari e con un potenziale produttivo di circa 251mila quintali annui. "Tale potenziale è ancora oggi lontano dall’essere raggiunto a causa dei problemi di natura fitosanitaria che affliggono i castagneti campani. E che possono essere risolti solo con una gestione a frutteto del castagneto", sostiene l'organizzazione.

hef - 14195

EFA News - European Food Agency
Similar