It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Dpcm/5: Danno ulteriore a comparto dei vini e degli spiriti

Federvini, "ripensare alle misure per salvaguardare salute e aspetti economici"

Arriva la risposta di Federvini alle nuove misure e restrizioni imposte dall'ultimo decreto ministeriale per limitare i contagi della pandemia. La Federazione afferma che pur condividendo la necessità di dare massima priorità alla salute pubblica con ulteriori azioni di prevenzione, guarda con estrema preoccupazione alle nuove misure restrittive che coinvolgono pesantemente i pubblici esercizi. Sandro Boscaini, presidente di Federvini, ha poi dichiarato: “I locali pubblici costituiscono il luogo di elezione per il consumo dei nostri prodotti, realizzando una filiera allargata che è uno dei vanti per il made in Italy. Per questo sarebbe necessario ripensare alle misure in modo tale da salvaguardare contemporaneamente salute pubblica e aspetti economici, da un lato con iniziative improntate alla flessibilità, dall’altro rimodulando provvedimenti come crediti di imposta e defiscalizzazioni”.

La Federazione ha evidenziato che già prima dell'entrata in vigore ufficiale del decreto, i ripetuti annunci di chiusure anticipate avevano prodotto la desertificazione dei locali e, specifica che indipendentemente dalle novità sugli orari effettivi di apertura, le restrizioni devono essere accompagnate dai provvedimenti di ristoro economico. Tra questi: indennizzi a fondo perduto, crediti d'imposta per le locazioni commerciali e gli affitti d'azienda, nuove moratorie fiscali e creditizie, il prolungamento degli ammortizzatori sociali e altri provvedimento di sostegno a valere sulla tassazione locale.

hef - 14331

EFA News - European Food Agency
Related
Similar