It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Cesarine.com lancia un'operazione di equity crowdfunding

Già raccolti 200.000 euro

Il network di 1.500 cuoche amatoriali lancia un'operazione di equity crowdfunding che terminerà il prossimo 9 novembre. I fondi serviranno per finanziare lo sviluppo delle Online Cooking Class e il setup di un marketplace food.

Cesarine.com, il network di 1.500 cuoche amatoriali che da anni accolgono alle loro tavole ospiti in oltre 300 città italiane, ha lanciato una campagna di equity crowdfunding su CrowdFundMe (unica piattaforma di crowdinvesting quotata a Piazza Affari), oltrepassando già il target di raccolta di 200.000 euro. La campagna sarà aperta agli investitori fino al prossimo 9 novembre. A prendere parte alla raccolta sono stati finora, oltre a professionisti come Alessio Beverina, co-founder del fondo di VC Panakes Group e Alfredo Cazzola, ex presidente del Bologna Calcio, anche una serie di cuoche e cuochi del network, a dimostrazione del forte coinvolgimento della community. Già nel capitale delle Cesarine dal 2018, sono invece professionisti e investitori come Daniele Ferrero di Venchi, Niccolò Branca dell’omonimo gruppo, Marco Airoldi, ex Ad di Benetton Group ed Emmanuel Osti de L’Occitane de Provence. Il primo obiettivo è il consolidamento della piattaforma cesarine.com per le online cooking class, servizio già testato con successo durante il lockdown, con focus in particolare sui mercati di Italia, Usa, Canada e Regno Unito. Si aggiunge a questo lo sviluppo dell’offerta per il mercato domestico su mete turistiche italiane, anche in partnership con Slowfood e Onav. 

Il secondo obiettivo è il setup di un marketplace di prodotti tipici locali e di attrezzature da cucina. Nel 2019 le Cesarine hanno ospitato nelle proprie case più di 10.000 clienti totalizzando vendite lorde pari a 1,2 milioni di euro, +225% rispetto all’anno precedente, ritmo confermato anche a gennaio e febbraio del 2020. Con una clientela composta per l’80% da turisti stranieri, il business model delle Cesarine è stato messo alla prova dalla recente crisi sanitaria e relative restrizioni al turismo internazionale. La società è però riuscita ad adattarsi al contesto, ascoltando la domanda di mercato e organizzando velocemente delle possibili risposte attraverso il perseguimento di due obiettivi chiari: ri-focalizzazione sul turismo domestico e sviluppo di linee di business nuove come le cooking class online. Azioni che hanno aumentato il potenziale di crescita e sviluppo dei prossimi anni in un contesto di mercato da sempre molto favorevole ma, in questo momento, particolarmente mutevole.

mtm - 14449

EFA News - European Food Agency