It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Covid: la Distribuzione moderna assicura la continuità del servizio in tutta Italia

Appello al presidente del Consiglio ed alle autorità locali

In attesa dei nuovi provvedimenti che andranno a rafforzare le misure per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da Covid-19, le parole pronunciate dal ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali Teresa Bellanova, tranquillizzano tutti da possibili problemi negli approvvigionamenti di cibo e da conseguenti code e assembramenti nei negozi di alimentari per timore di un nuovo lockdown: "La filiera agroalimentare è assolutamente in grado di garantire, come in tutti questi mesi, cibo sano e sicuro al paese. Invito tutti ad acquistare il necessario, perché non si ingenerino code e assembramenti che rappresentano un rischio per lavoratori e consumatori, e perché non si sprechi cibo". 

A quest'intervento segue quello di Giorgio Santambrogio, ad di Gruppo VéGé, con una raccomandazione al Governo e alle autorità locali nel caso in cui, nelle prossime ore, le misure dovessero diventare ancora più stringenti. "Chiedo di autorizzare sempre gli spostamenti effettuati per l’approvvigionamento di generi alimentari, senza le troppo restrittive limitazioni geografiche applicate a marzo di quest’anno. Si ricorda infatti che la densità distributiva dei punti di vendita alimentari non coincide con quella della popolazione. Può quindi capitare che superfici di vendita di grandi dimensioni siano in periferia e, sebbene con ampia disponibilità di prodotti, si ritrovino con uno scarso afflusso di clienti se inibiti da possibili restrizioni e conseguenti procedimenti sanzionatori". 

Il Gruppo spiega che al contrario, nei punti vendita di piccole dimensioni all’interno dei centri abitati, si rischia di assistere a lunghe code che portano all’esaurimento dei prodotti. Due comportamenti che, a causa degli assembramenti, potrebbero mettere in grave pericolo la salute dei cittadini. Infine, Santambrogio sottolinea l'importanza di incentivare il servizio di click&collect, con il ritiro della spesa prenotata online presso esercizi commerciali convenzionati di comuni diversi, anche non limitrofi, purché sia esibita la documentazione comprovante la prenotazione. 

"Vorrei ricordare ai decisori pubblici, e non solo, che è proprio questa la modalità ideale per ridurre al massimo qualsiasi occasione di contatto nell’attività di rifornimento della spesa alimentare. Auspicando che si tenga conto di questi suggerimenti, l’intera distribuzione moderna continuerà a lavorare responsabilmente, per assicurare la continuità del servizio ai cittadini in tutta Italia, garantendo il massimo della sicurezza e della convenienza e assicurando la stessa qualità di sempre dei prodotti freschi e freschissimi".

hef - 14505

EFA News - European Food Agency
Related
Similar