It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Aviaria, primi casi dell'anno

Piccoli focolai sotto controllo i Europa, Giappone, Russia, Kazakistan e Laos

Quattro paesi europei, Danimarca, Francia, Germania e Svezia, hanno ufficialmente registrato i primi focolai di influenza aviaria ad alta patogenicità (Hpai) nel pollame della stagione. La malattia si è ripresentata in Laos, dove è stata registrata anche un'infezione umana. Ulteriori focolai si sono verificati tra gli allevamenti di pollame europei, così come quelli del Giappone, del Kazakistan e della Russia. Il virus Hpai è stato rilevato anche negli uccelli selvatici in Corea del Sud e nell'Europa occidentale. Nell'ultima settimana, la Germania ha ufficialmente registrato i suoi primi focolai nello stato settentrionale del Meclemburgo-Pomerania occidentale, rilevando il virus negli uccelli selvatici, secondo i rapporti dell'Organizzazione mondiale per la salute animale (Oie). In quattro tra le ultime epidemie, è stato riconosciuto il virus H5N8. I primi casi riguardavano un gruppo di pollame misto di circa 250 volatili. In pochi giorni la malattia era stata confermata anche all'interno di due gruppi di galline d'allevamento ovaiole e uno di tacchini.

I primi casi di Hpai sono stati registrati in Francia. Nella prima settimana di novembre, il virus H5N8 è stato rilevato nel pollame di un negozio di animali nella regione dell'alta Corsica. In seguito, all'interno dello stesso esercizio commerciale sono morti più di 100 volatili e i restanti 464 sono stati abbattuti. Il virus sembrava essere scomparso in Francia negli ultimi tre anni. In seguito al rilevamento del virus all'inizio di questa settimana, circa 25.000 galline sono state abbattute in una fattoria a Randers, secondo la Danish Veterinary and Food Administration. Questo comune si trova nella regione della Danimarca centrale (Midtjylland), nella parte orientale della penisola dello Jutland. In Svezia, l'Hpai è stata rilevata in un gregge di tacchini nella contea meridionale di Skåne, secondo quanto reso noto dal Consiglio svedese dell'agricoltura.

Dopo un'assenza di quasi due anni, il virus è riapparso anche in Laos . Secondo il rapporto ufficiale dell'Oie, è stato individuato in due greggi nella provincia di Saravane a metà agosto e metà settembre. Più di 500 dei 1.539 polli sono morti, ha riferito l'autorità veterinaria. Il ministero della Salute del paese ha, inoltre, registrato un nuovo caso umano di infezione da virus dell'influenza aviaria. L'infetta era una bambina di un anno che nel mese di ottobre ha sviluppato difficoltà respiratorie e febbre. Questo è stato il primo caso umano di virus dell'influenza aviaria A segnalato quest'anno all'Oms e il terzo caso in Laos dal 2004. Due casi precedenti sono stati segnalati nel 2007 ed entrambi i pazienti sono morti.

hef - 14908

EFA News - European Food Agency
Similar