It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Vinitaly 2021 slitta ancora, da aprile a giugno

Decisone inevitabile sulla base dell’incoming di buyer extra europei

Vinitaly, la 54esima edizione del salone internazionale dei vini e dei distillati di Veronafiere, slitta per la seconda volta; l'evento posticipato in un primo momento, a causa dell'emergenza sanitaria, al 18 aprile 2021, è in programma adesso dal 20 al 23 giugno 2021, in contemporanea con Enolitech e Sol&Agrifood. Il consiglio di amministrazione del Gruppo Veronafiere, tenuto conto dei pareri scientifici acquisiti, oltre a quelli delle categorie economiche interessate, ha previsto l’avvio delle attività fieristiche ad aprile e pianificato conseguentemente tutto il palinsesto su 9 mesi anziché 12.


Una nota stampa del Gruppo sottolinea come la decisione “è il risultato di un’attenta verifica, anche con le più autorevoli istituzioni in grado di formulare previsioni attendibili sulla curva pandemica ed è stata presa dopo uno specifico sondaggio di mercato". Maurizio Danese, presidente di Veronafiere Spa, spiega: "Lo spostamento a giugno 2021 è in linea con la revisione del posizionamento dei calendari delle principali fiere internazionali italiane ed estere. Il consiglio di amministrazione ed i soci hanno fatto una scelta ponderata in base alle informazioni più attendibili in campo medico, considerando anche l’incoming di buyer extra europei. Stiamo, inoltre, lavorando con la fondazione Arena, che organizza la stagione lirica e la città di Verona per offrire ai nostri ospiti internazionali un’edizione imperdibile".

“Vinitaly con OperaWine e le rassegne concomitanti", sottolinea Giovanni Mantovani, direttore generale di Veronafiere Spa, "si svolgeranno in un contesto temporale in cui il Governo avrà avuto il tempo di predisporre le procedure di ingresso dei buyer internazionali nel nostro paese. Nello stesso tempo in Europa vi saranno altri eventi rivolti alla promozione del settore vinicolo. Si tratta di una decisione strategica e sinergica per consentire agli operatori del mercato e dell’informazione, soprattutto quelli provenienti da Asia e Usa, che sono tra i principali visitatori delle nostre rassegne, di poter ottimizzare la loro partecipazione con un solo spostamento".

hef - 15063

EFA News - European Food Agency
Related
Similar