It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Covid, Danone ristruttura pesantemente il business

Batosta sul personale, con 2.000 tagli, previsto 1 miliardo di Euro di risparmi entro il 2023

Danone ha annunciato nuovi obiettivi di riduzione dei costi, fino a 2.000 tagli di personale e prevede di ristrutturare il proprio business per trasformarsi in una società "local-first", per diventare un'organizzazione più efficiente in un mondo post-Covid. Il proprietario di Activia e Alpro sta effettuando il passaggio da organizzazione guidata dalla categoria ad organizzazione locale, concentrandosi sulle aree geografiche piuttosto che sulle categorie di prodotti. Secondo quanto riferito, "reinventarsi" consentirà alle unità aziendali locali di riguadagnare l'autonomia e accorciare i processi decisionali. L'annuncio finalizza i piani che Danone ha stabilito il 19 ottobre per adattarsi a un nuovo mondo Covid e mira a ribaltare le perdite che ha subito durante la pandemia, come un calo delle vendite di acqua in bottiglia.

Come anticipato in ottobre, l'azienda sarà organizzata in due macro-regioni. Shane Grant guiderà Danone north America e Véronique Penchienati-Bosetta guiderà Danone International. Quest'ultima sarà organizzata in cinque zone: Europa, Asia / Africa e Medio Oriente, Grande Cina e Oceania, Cis e Turchia e America Latina. La mossa vedrà i seguenti dirigenti nominati presidenti di zona e promossi al comitato esecutivo nel 2021: Floris Wesseling per l'Europa , in Asia Africa e Medio Oriente, guiderà Corine TapGrande, per Cina e Oceania Bruno Chevot, Cis e Turchia guidati da Charlie Cappetti e America Latina da Silvia Davila

A seguito della ricostruzione del business aziendale, verranno tagliate da 1.500 a 2.000 posizioni, di cui una su quattro operanti presso la sede centrale del Gruppo. Attraverso le modifiche, l'azienda prevede di generare 1 miliardo di Euro di risparmi entro il 2023, e una riduzione del 20% dei costi generali. La società prevede inoltre che tornerà a una crescita redditizia in meno di 12 mesi, non appena nella seconda metà del 2021. Infine, Danone sta anche cercando di trasferire la sua sede centrale a Parigi più vicino alla sede aziendale francese.

hef - 15074

EFA News - European Food Agency
Similar