It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Uk, rischia di diventare il "porto franco" del falso made in Italy in Ue

Coldiretti: "Manca tutela giuridica dei marchi dei prodotti italiani Dop/Igp"

"Senza accordo sulle regole con l’Unione Europea, la Gran Bretagna rischia di diventare il porto franco del falso made in Italy in Europa per la mancata tutela giuridica dei marchi dei prodotti italiani a indicazioni geografica e di qualità (Dop/Igp), che rappresentano circa il 30% sul totale dell’export agroalimentare tricolore". E’ quanto afferma il presidente di Coldiretti Ettore Prandini in riferimento alle misure adottate nell’Ue e in Uk nel caso di No Deal sulla Brexit che si fa sempre più probabile. 

L'Associazione sottolinea che la Gran Bretagna potrebbe diventare un porto franco per l’arrivo di prodotti agroalimentari di imitazione del made in Italy che nel mondo fatturano 100 miliardi e che vedono tra i maggiori contraffattori gli Usa, con i quali gli inglesi hanno stretto un accordo commerciale, ma anche il Canada e l’Australia che fanno parte del Commonwealth. "Si tratta purtroppo di un rischio reale come dimostrano le vertenze Ue del passato nei confronti di Londra con i casi della vendita di falso Prosecco alla spina o in lattina fino ai kit per produrre in casa finti Barolo e Valpolicella o addirittura Parmigiano Reggiano. Ma è anche possibile che in Gran Bretagna senza le regole sanitarie dell’Unione Europea arrivino prodotti arrivino prodotti vietati nell’Unione come il pollo al cloro o la carne agli ormoni permessi in Nordamerica. Il rischio è peraltro che si affermi una legislazione sfavorevole alle esportazioni agroalimentari italiane come ad esempio l’etichetta nutrizionale a semaforo sugli alimenti che si sta diffondendo in gran parte dei supermercati britannici e che boccia ingiustamente quasi l’85% del made in Italy a denominazione di origine (Dop), compresi prodotti simbolo, dall’extravergine di oliva al prosciutto di Parma, dal Grana Padano al Parmigiano Reggiano", spiega una nota dell'Associazione. 

Le esportazioni di prodotti alimentari tricolori sono state pari a 3,4 miliardi di Euro nel 2019, dopo il vino che complessivamente ha fatturato sul mercato inglese quasi 771 milioni di Euro, spinto dal Prosecco Dop, al secondo posto tra i prodotti agroalimentari italiani più venduti in Gran Bretagna ci sono i derivati del pomodoro con circa 350 milioni di Euro nel 2020, con un aumento del 14% in valore nei primi nove mesi del 2020. 

Per scongiurare un possibile impatto sulle esportazioni, a seguito dell'uscita dell'Uk dall'Ue, nel primo contratto di filiera pluriennale del pomodoro da industria per il sud Italia tra Princes industrie alimentari e Coldiretti è stata introdotta la tecnologia blockchain, in grado di fissare in un database pubblico tutti i dati relativi al “viaggio” del pomodoro dal campo allo stabilimento industriale. "Nella blockchain sono stati raccolti tutti i dati relativi all’origine del prodotto (tutti gli appezzamenti di terreno coltivati), ai lavoratori assunti per la raccolta ed ai macchinari utilizzati nonché i dati relativi al trasporto ed alla trasformazione. Un progetto con la collaborazione della Casaleggio Associati che ha coinvolto 300 aziende agricole, 19 cooperative e 9 organizzazioni dei produttori per un totale di quasi 3 milioni di quintali di prodotto destinato all’estero dove le grandi catene chiedono il rispetto di precisi standard sanitari, ambientali e di tutela del lavoro contro il caporalato", conclude Coldiretti.

 

hef - 15416

EFA News - European Food Agency
Similar