It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Regole Ogm, proteste dal mondo bio

Le nuove norme in approvazione dal parlamento allineano l'Italia all'Europa

La variegata coalizione di contrari raccoglie FerderBio, Legambiente, Lipu, Isde – Medici per l’Ambiente e Wwf

La legge delega per adeguare le norme italiane ai regolamenti europei è in dirittura di arrivo in Parlamento e in questi giorni è partita una campagna di protesta #ItaliaNoOgm da parte di un gruppo di associazioni che sostengono che l'approvazione che i nuovi decreti "aprirebbe il varco per l'introduzione nei campi di Ogm, i cui semi e materiale di propagazione potranno in questo modo essere utilizzati in tutta Italia". Altragricoltura Bio e Associazione Consumatori e Utenti sono scesi in campo con una nota per sostenere la coalizione Cambia la Terra (FerderBio, Legambiente, Lipu, ISDE – Medici per l’Ambiente e WWF). 

I sostenitori della campagna affermano che i decreti, già approvati il 30 ottobre 2020 dal Governo, in attesa dei pareri delle commissioni Agricoltura di Camera e Senato e della conferenza Stato Regioni, procureranno incalcolabili ed irreversibili danni all’intera nazione, non solo per la scriteriata esaltazione degli organismi geneticamente modificati e dei nuovi progetti sperimentali di editing genomico in agricoltura, che gli schemi in oggetto propongono, ma anche per i disastrosi riflessi sull’intera immagine della nostra agricoltura di qualità; per l’ignobile assoggettamento ai brevetti su semi e varietà di ortaggi, alberi da frutta e varietà di vitigni che arricchiranno le solite multinazionali; per la chiusura di tante importantissime piccole e medie imprese, spesso a conduzione famigliare, che mantengono viva la biodiversità dei territori collinari e montani. L'opposizione afferma che i decreti sono un attacco istituzionale a tutto il comparto dell’agricoltura biologica italiana, in costante crescita sia quantitativa che qualitativa.

Secondo la nota "la legge delega, che richiede di adeguarsi con tali decreti a due specifici regolamenti europei, non prevede assolutamente di normare gli Ogm. Si rinvengono dunque illeciti e vere e proprie norme illegali che prevedono di fatto: il divieto per le aziende agricole di riseminare le produzioni aziendali (con obbligo quindi di acquistare i semi dalle industri sementiere); un ostacolo economico e burocratrico per i piccoli vivai territoriali, che riproducono la biodiversità agraria locale, inerente la tradizionale produzione e vendita di piantine di ortaggi e piante da frutto; la reclusione in riserve e musei all’aperto di tutte le riproduzioni inerenti la ricchissima biodiversità agraria italiana, che vanta centinaia di varietà antiche di cereali e migliaia di ortaggi e fruttiferi autoctoni, il cui materiale di propagazione, in aperto contrasto con le norme internazionali, potrà essere commercializzato in 'modiche quantità' su limitatissime superfici".

hef - 15424

EFA News - European Food Agency
Related
Similar