It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Fabbri 1905 con Ail per una Bologna più solidale

Sotto l’albero dell’associazione 1500 panettoni per finanziare un ricercatore del Seràgnoli

Il sodalizio tra l’azienda bolognese Fabbri 1905 e Ail, che porta avanti a livello cittadino la lotta alla leucemia, ai linfomi e al mieloma, è ormai un fatto storico, ma quest’anno diventa particolarmente significativo: ben 1500 panettoni all’Amarena sono stati donati ad Ail Bologna ed è possibile continuare ad acquistarli sul sito dell'associazione. Il ricavato della distribuzione di questi prodotti sarà interamente devoluto alla sezione Ail della città. 

Finora l’80% dei panettoni messi a disposizione da Fabbri 1905 è stato distribuito "e se, come speriamo, entro l’anno i bolognesi ci aiuteranno scegliendo i rimanenti, potremo raggiungere i nostri obiettivi", comunica una nota stampa. Tra gli obiettivi ci sono: finanziare il lavoro di un giovane ricercatore dell’istituto ‘L. e A. Seràgnoli’ per un intero anno o accogliere 18 nuclei familiari (un paziente e un familiare) a Casa Ail per tutto il tempo necessario alle terapie; oppure offrire assistenza domiciliare ematologica a 13 pazienti di Bologna e della provincia (questo tipo di assistenza offerta da Ail Bologna è un'alternativa al ricovero e al day hospital e dura, in media, un anno per ciascun paziente).

Malattie terribili come quelle di cui si occupa l’associazione non arretrano di fronte all’emergenza Covid che ha “reso più complicata la vita dei nostri pazienti onco-ematologici e necessario l’aumento di intensità nell’attività di assistenza, oltre ad aver creato alcuni ostacoli al normale svolgimento della ricerca scientifica", dichiara il professor Sante Tura presidente di Ail Bologna. "Non solo, ha anche momentaneamente interrotto lo svolgersi di Cockt-Ail (vedi articolo EFA News del 14-10-20), l’amata iniziativa creata da Fabbri 1905 e Aibes che porta la missione dell'associazione nel mondo di barman e bartender. Non vediamo l’ora che l’emergenza passi, che i nostri pazienti possano contare su una ritrovata serenità, che il lavoro nei laboratori possa svolgersi con la velocità di sempre e che anche Cockt-Ail possa tornare ad essere un’iniziativa-ambasciatrice della nostra missione".

hef - 15677

EFA News - European Food Agency
Related
Similar