It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Interrogazione su produzione agrumi e calo per pandemia e maltempo

Quali iniziative adottare per superare criticità che investono il settore

Presentata dall'onorevole Antonella Incerti (Pd)

"Al ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali. 

Per sapere, premesso che:

nella campagna 2018/19 la produzione di agrumi ha superato di poco 2,6 milioni di tonnellate ed è composta prevalentemente da arance (61 per cento), seguite da mandarini e clementine (22 per cento) e limoni (16 per cento). Nel 2018, il valore della produzione agrumicola italiana è stato stimato in 925 milioni di Euro, costituenti circa il 2 per cento del valore della produzione agricola nazionale a prezzi base che ammonta a 52.175 milioni di Euro;

la coltivazione di agrumi in Italia è diffusa quasi esclusivamente nelle Regioni meridionali e insulari. Infatti, il 99,9 per cento della produzione in valore è imputabile alle Regioni del Mezzogiorno;

le clementine sono la seconda specie di agrumi più coltivata in Italia. La superficie in produzione nel periodo è rimasta stabile a circa 25.700 ettari che corrispondono al 18 per cento della superficie agrumetata nazionale. La produzione media di clementine riferita alle 5 campagne produttive tra il 2014/2015 e il 2018/2019 è stata di 550.000 tonnellate circa;

nel mese di novembre 2020 BMTI/Italmercati ha rilevato che nei mercati all'ingrosso appartenenti alla Rete di Imprese Italmercati si è evidenziato un calo dei prezzi all'ingrosso del 25,33 per cento rispetto al 2019 per le clementine nazionali comuni di calibro minore (0,59 Euro/chilo), del 26,17 per cento per le clementine nazionali comuni di calibro medio (0,79 Euro/chilo) e dell'11,72 per cento per le clementine nazionali di calibro maggiore (1,28 Euro/chilo);

a causa dell'emergenza sanitaria i consumatori sono stati meno orientati all'acquisto di prodotti ad alto contenuto di vitamina C e questo ha portato ad una diminuzione della richiesta di agrumi, sia rispetto allo scorso aprile (momento critico della pandemia) sia rispetto all'inizio di campagna delle clementine;

il calo della domanda si è aggravato, inoltre, per la chiusura del canale 'Horeca' nelle zone 'rosse' ed 'arancioni', per le alte temperature autunnali e di inizio inverno che non hanno invogliato i consumatori all'acquisto di un prodotto tipicamente consumato in periodi più freddi;

tra i motivi di questa crisi, rientrano le avversità climatiche con le grandinate e le intense e frequenti piogge degli ultimi mesi, ma si aggiunge anche l'arrivo di ingenti volumi di merce estera, venduta a prezzi concorrenziali nelle catene della Grande distribuzione organizzata–:

alla luce di quanto esposto in premessa, quali iniziative il ministro interrogato intenda adottare al fine di superare la situazione di criticità che investe il settore agrumicolo". (5-05260)

red - 16201

EFA News - European Food Agency
Similar