It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Casearia Bresciana: nuovo impianto di potabilizzazione firmato Culligan

Il caseificio è uno dei protagonisti storici nella produzione di Grana Padano

Nell’industria del food il controllo costante di processi produttivi e materie prime è essenziale per assicurare i più alti standard di salubrità e qualità al prodotto finito. Uno dei fattori più cruciali nella produzione di alimenti, spesso dato per scontato, è l’acqua: un elemento che rappresenta molto più che un semplice ingrediente nell’intera catena di produzione. Casearia Bresciana, storica azienda produttrice del Grana Padano, fortemente impegnata sul fronte della sicurezza alimentare, di recente ha deciso di investire nella costruzione di un impianto di potabilizzazione dell’acqua di pozzo all’avanguardia in grado di assicurare i più alti livelli di salubrità all’acqua. 

In generale è fondamentale che l’acqua utilizzata per la preparazione dei generi alimentari non abbia alcun sapore o odore che potrebbe compromettere la qualità o la consistenza del prodotto finale. Nei processi produttivi, invece, l’impiego di acqua di qualità è essenziale per il reintegro di alimentazione nelle caldaie, per facilitare la rimozione di formazioni calcaree e - in generale - per ridurre la necessità di manutenzione degli impianti.

Ca.Bre. ha deciso di rivolgersi a Culligan, azienda di riferimento a livello internazionale nel settore del trattamento acqua, per una soluzione ‘customizzata’ e in linea con gli alti standard qualitativi dei propri prodotti caseari, che ha interessato sia l’acqua necessaria alla produzione del formaggio, che quella destinata ai generatori di vapore e le torri evaporative, elementi essenziali per il raffreddamento dell’impianto. 

Il nuovo sistema di potabilizzazione impiega speciali filtri coibentati, adatti ad essere installati all’esterno e sottoposti ai rigidi climi della pianura Padana. Il sistema è composto da una sezione di ossidazione e disinfezione a cui segue una batteria di filtrazione composta da tre filtri multistrato con letto catalitico in pirolusite, antracite e sabbia quarzifera di granulometrie selezionate. A valle è presente una sezione di filtrazione a carboni attivi ad elevato tempo di contatto, per un’azione filtrante capillare che garantisce una produzione all’altezza dei più alti standard di certificazione richiesti dal mercato.

Ca.Bre è un gruppo cooperativo nato nel 1954 e a cui aderiscono oltre 1.000 allevatori. Impiega oggi oltre 80 dipendenti e trasforma ogni anno circa 70.000 tonnellate di latte, rappresentando un terzo di tutto il settore lattiero-caseario cooperativo in territorio bresciano. Negli impianti di produzione, di affinamento, di grattugia e di confezionamento, Ca.Bre produce annualmente 70.000 forme di Grana Padano e 30.000 quintali di Provolone ponendosi ai primi posti in Italia tra i caseifici cooperativi e nella grande distribuzione, ma affermando la sua presenza anche sui principali mercati esteri.

red - 17042

EFA News - European Food Agency
Similar