It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Macchine agricole: Sace e Cdp supportano Antonio Carraro

Finanziamento da € 7 mln per la crescita della società, eccellenza del made in Italy

Cdp e Sace siglano un’operazione che supporta la crescita di Antonio Carraro SpA, azienda di Padova tra i leader mondiali ed eccellenze del made in Italy nel settore strategico dei macchinari agricoli e per la manutenzione civile. Il finanziamento di 7 milioni di euro, della durata di 6 anni, è erogato da Cdp e garantito in tempi brevi da Sace tramite Garanzia Italia, lo strumento del Decreto Liquidità destinato al sostegno delle imprese italiane colpite dall'emergenza Covid-19. Le nuove risorse confluiranno nel piano di investimenti di consolidamento e crescita in Italia dell’azienda. Nel 2020 infatti, in concomitanza con la ricorrenza dell’anniversario dei 110 anni dalla fondazione, in Antonio Carraro sono iniziati i lavori di ampliamento degli spazi produttivi attraverso l’acquisizione di un’area industriale di circa 10.000 mq adiacente la storica sede di Campodarsego (Pd).

La società fonda le sue radici nel 1910 ad opera di Giovanni Carraro, padre dell’attuale presidente Antonio. Dagli Anni ’70 il marchio Antonio Carraro è leader indiscusso nelle classifiche di immatricolazione in Italia e tra le prime d’Europa nel segmento dei trattori compatti.

La produzione si articola in più di 80 modelli destinati al settore dell’agricoltura specializzata (vigneti, frutteti e coltivazioni a filare), oltre ad una serie di mezzi per la manutenzione civile (pulizia urbana, viabilità stradale e manutenzione del verde pubblico e sportivo). La filosofia costruttiva si avvale dei principi “lean”, introdotti dal 1999 dalla Porsche Consulting. Si distingue per la costante innovazione e flessibilità di produzione: ogni trattore è “taylor made”, realizzato sulla base delle richieste di ciascun cliente. L'azienda esporta in 42 Paesi del mondo, il 65% della propria produzione e conta circa 500 addetti tra la sede centrale e le filiali commerciali in Australia, Spagna, Francia e Turchia.

Marcello Carraro, ceo di Antonio Carraro SpA ha commentato: “Siamo molto soddisfatti di questa operazione che finanzierà i lavori di espansione dei nuovi reparti produttivi della nostra azienda. L’andamento positivo e sempre in crescita delle vendite dei nostri trattori in tutto il mondo, degli ultimi cinque anni, ci ha dato lo slancio per intraprendere nuovi investimenti. Oggi, la nostra azienda è strutturata e sempre più proiettata nel futuro, con un marchio riconosciuto nel mondo per la qualità dei suoi prodotti dotati di soluzioni innovative talvolta uniche”. “Questa operazione conferma il ruolo di Cdp al fianco delle aziende italiane, come la Antonio Carraro, che sanno distinguersi nei loro mercati di riferimento, per la costante ricerca di metodi all’avanguardia e per la forte impronta della tradizione e del made in Italy nei loro prodotti d’eccellenza –gli ha fatto eco Paolo Calcagnini, vicedirettore generale Cdp – . Il comparto agroindustriale in cui opera la società, inoltre, rappresenta uno dei settori strategici per il nostro Paese con impatti positivi su tutto il tessuto economico locale e nazionale”.

“Il nostro impegno a sostegno del made in Italy, e in particolare di un’eccellenza che fa della costante innovazione e della forte specializzazione dei prodotti un segno distintivo, è sempre ai massimi livelli”, ha dichiarato invece Alberto Turchetto, responsabile Mid Corporate del Nord-Est di Sace. “Siamo orgogliosi di sostenere nella sua road map di crescita un marchio diventato nel tempo sinonimo di italianità, intesa come massima qualità e affidabilità. Una crescita strategica per l’intera filiera e per la ripresa economica del Paese”.

CTim - 17490

EFA News - European Food Agency
Similar