It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Fare impresa in Italia, attività sempre in salita

L’indagine esclusiva condotta da Bva Doxa per Shopify

Per le aziende italiane è l’ora dell’Entrepreneurial Economy: il momento giusto per mettersi in proprio, reinventarsi o innovare il proprio business.

Secondo l’indagine esclusiva condotta da Bva Doxa per Shopify, l’opinione degli italiani sulla figura dell’imprenditore è ancora molto stereotipata, ma positiva. L'imprenditore per il 94% degli intervistati, è un uomo tra i 40 e i 60 anni (77%) che vive in una grande città (73%), rigorosamente del nord Italia (92%). Nel 65% dei casi si tratta di professionisti coraggiosi e creativi che hanno saputo dar vita ai propri sogni. E, infatti, il primo driver che guida ogni scelta degli imprenditori è la passione (61%), seguita dalla volontà di acquisire un certo status (55%) e di guadagnarsi più libertà (50%). Infine, sono tre le caratteristiche must-have di un imprenditore di successo: lungimiranza (71%), audacia (65%) e forti capacità sociali (39%).

La corsa all’imprenditorialità è nella maggior parte dei casi percepita come una strada in salita. Un bias che influenza le scelte di molti e può portare a mancate opportunità. Le più alte barriere all’imprenditorialità sono la burocrazia (73%), i costi e le spese (66%) e i possibili rischi (54%). Solo il 2% degli italiani afferma di essere certamente intenzionato a diventare imprenditore, sebbene la percentuale salga al 37% se si considera anche chi è semplicemente aperto a tale possibilità. Di questi, 7 italiani su 10 punterebbero sull’e-commerce, il vero alleato delle imprese nella lotta all’emergenza Covid-19 ma che rimane l’asset su cui puntare anche in uno scenario di next normal.

“Il 2021 sarà l’anno dell’Entrepreneurial Economy perché la pandemia, come ogni grande crisi, costringerà molti a dover compiere scelte anche coraggiose per rimettersi in gioco. Per chi saprà adeguare il proprio sguardo a un nuovo modo di interpretare la realtà non mancheranno le opportunità. In particolare per chi saprà abbracciare la sfida digitale, il vero asso nella manica delle imprese italiane in ottica di ripartenza post emergenza Covid-19 e non solo”, commenta Paolo Picazio, responsabile per lo sviluppo del mercato italiano di Shopify“Uno dei principali obiettivi di Shopify è democratizzare l’imprenditorialità, mettendo a disposizione di chiunque lo desideri strumenti semplici per fare impresa. Tuttavia, in Italia, è ancora necessario un cambio di mentalità nei confronti dell’imprenditoria: mettersi in proprio è ancora considerato troppo rischioso. L’imprenditorialità va invece incentivata e incoraggiata anche con politiche di supporto adeguate perché è il motore della crescita economica”, conclude.

Infatti, in molti ritengono difficile diventare imprenditore soprattutto per via dell’investimento iniziale richiesto che, per 1 italiano su 2, è di almeno €30.000 per avviare una piccola attività. Inoltre, per il 67% degli italiani servono almeno 2 anni per poter rientrare dei costi e cominciare a fare profitto. “Abbiamo condotto un’indagine qualitativa interna che ha coinvolto 50 dei nostri merchant e abbiamo scoperto che la metà di loro ha investito meno di €10.000 per avviare la propria attività”, racconta Picazio. Tra chi si dice aperto alla possibilità di diventare imprenditore, prevale il desiderio di scommettere sul segmento servizi (31%), seguito dal food&beverage (30%), il wellness (24%) e l’home & garden che comprende anche servizi e prodotti per i nostri amici a quattro zampe (19%). Con un fil rouge che accomuna le scelte di tutti: il 77% punterebbe sull’e-commerce, quale unico canale di vendita (30%) o integrato a quello offline (47%). Per 3 italiani su 4, infatti, poter vendere online è diventato oggi molto importante e addirittura fondamentale (80%) e lo sarà sempre di più anche in futuro (85%). Tra i vantaggi, la possibilità di convertire la propria passione in un vero lavoro, l’opportunità concreta di trasformare un’idea in un progetto concreto e le prospettive di guadagno.

L’emergenza Covid-19 ha, da un lato, accelerato la digitalizzazione di piccole aziende e negozi che non avevano mai venduto online e, dall’altro, dato impulso alla crescita di brand nativi digitali, ovvero nati e cresciuti online. Basti pensare che nel 2020 le vetrine online su Shopify in Italia sono cresciute del +247% rispetto al 2019. Di queste, molte realtà, proprio grazie alla rete, hanno potuto mettere a segno risultati (anche record), in tempo di pandemia. È il caso di Olivieri 1882, che grazie a Shopify ha saputo fronteggiare le ripercussioni delle chiusure dei negozi ed arrivare a ricevere anche più di 600 prenotazioni in un giorno solo.

hef - 17812

EFA News - European Food Agency
Similar