It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Burrata di Andria Igp: Ue approva modifica a Disciplinare produzione

Aggiustamenti "non minori" che consentono di esaltare maggiormente l’artigianalità del prodotto /Allegato

Il Consorzio di Tutela della Burrata di Andria IGP comunica che si è concluso oggi 23 marzo 2021 l’Iter di modifica del Disciplinare di Produzione con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea n. 100 del regolamento di Esecuzione UE 2021/484 del 16 marzo 2021. Saranno esecutive, dunque, tutte le modifiche proposte sia per la correzione degli errori presenti nella prima stesura del Disciplinare sia per le precisazioni necessarie onde evitare interpretazioni diverse dello stesso. Un grande risultato ottenuto in tempi relativamente brevi che permette di rispondere maggiormente alle caratteristiche della materia prima locale, consentendo così anche ai piccoli produttori di poter più facilmente aderire al Piano dei Controlli, di specificare meglio le dimensioni della chiusura apicale (testa) e le modalità di sfilaccio manuale del ripieno (stracciatella); gli sfilacci/lucini, infatti, non potranno subire processi di rottura tali da trasformare gli stessi in un ammasso “tritato”, questo perché lo sfilaccio manuale rispetto ad una pasta tritata (spesso meccanicamente) distingue la Burrata di Andria, consentendo alla panna di amalgamarsi alla pasta filata, donandole un gusto unico, caratterizzato all’assaggio dalla giusta umidità, morbidezza e dall’esaltazione dei sentori di lattico fresco. Tutto ciò a maggior garanzia dell’artigianalità del prodotto, distinguendolo così da produzioni meccanizzate. 

La modifica del disciplinare è frutto di un importante lavoro portato avanti dal Consorzio concertato con la Regione Puglia, il ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali ed il responsabile scientifico professoressa Giuseppina Tantillo del DIM dell’Università di Bari, "ringraziandoli tutti per l’impegno profuso al raggiungimento di questo importante risultato", scrive il Consorzio in una nota.

Oggi dunque, sottolinea il coordinatore del Consorzio, Francesco Mennea, grazie alle modifiche è consentito soprattutto ai piccoli produttori di poter aderire più facilmente al piano dei controlli, esaltando maggiormente l’artigianalità della produzione ed al contempo facilitando il consumatore nella distinzione della Burrata di Andria IGP da imitazioni e prodotti realizzati meccanicamente.

Allegato in basso a questa EFA News la modifica al Regolamento pubblicato dalla Gazzetta Ue.

Attachments
cm - 17853

EFA News - European Food Agency
Similar