It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Sostegni? Al settore bovino non sono neanche arrivati i fondi del Decreto Rilancio

La denuncia di IntercarneItalia. Agea: "Stiamo lavorando senza sosta per accelerare i pagamenti"

Un telegramma al ministro per le Politiche agricole, Stefano Patuanelli e al direttore di Agea, Gabriele Papa Pagliardini per sollecitare l’erogazione dei fondi destinati alla filiera della carne bovina nel rispetto di quanto previsto dal Decreto Rilancio del luglio 2020, quando il governo Conte 2 deliberò lo stanziamento di 90 milioni di euro da destinare ai comparti zootecnici che a causa della pandemia avevano dovuto affrontare un lungo periodo di crisi. Il messaggio è stato inviato oggi dall’Organizzazione Interprofessionale della carne bovina Intercarneitalia.

“Stiamo ancora aspettando da parte di Agea le modalità di presentazione delle domande di aiuto – afferma il presidente di IntercarneItalia, Alessandro De Rocco – ma a oggi non è dato da sapere come e quando presentarle. Praticamente, non abbiamo ricevuto un centesimo e questo nonostante ci risulti che i fondi siano già dall’anno scorso nella disponibilità di cassa di Agea, che è l’ente erogatore. Il settore della carne bovina sta vivendo un momento drammatico ed è di vitale importanza che gli aiuti previsti vengano immediatamente erogati”.

Alla presa di posizione del presidente De Rocco la risposta da parte di Agea e del Governo non si è fatta attendere. “Stiamo lavorando senza sosta con i nuovi fornitori per accelerare i pagamenti. La terrò informata”, è stata la risposta di Gabriele Papa Pagliardini, mentre per il Governo è arrivata la nota del presidente della Commissione Agricoltura alla Camera dei Deputati, Filippo Gallinella il quale, al termine di una lunga disamina di quanto finora fatto, ha chiarito che “alcuni disservizi si sono generati a causa del cambio di fornitore dei servizi IT. Pertanto, considerata la complessità delle attività in essere, al momento non si possono escludere possibili disservizi nelle prime fasi di avvio dei pagamenti per le quali tuttavia, Agea e Mipaaf si stanno adoperando con ogni sforzo per consentire la piena fruibilità dei servizi creando le condizioni per velocizzare quanto più possibile i pagamenti”.

“Noi comprendiamo tutte le difficoltà organizzative e logistiche di una macchina tanto complessa come quella di Agea – sottolinea Alessandro De Rocco – ma gli allevatori tutte le mattine vanno in stalla e devono fare i conti con difficoltà quotidiane che l’emergenza sanitaria ha reso ancor più critiche. Non è ammissibile che nell’era ipertecnologica si debbano sopportare dei ritardi che mettono a repentaglio la sopravvivenza di uno dei comparti più importanti dell’agroalimentare italiano”.

red - 17930

EFA News - European Food Agency
Similar