It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Valsoia: ricavi in crescita del 15,2%

Approvata l’informativa periodica aggiuntiva al Q1 del 31 marzo 2021

In data odierna si è riunito il consiglio di amministrazione di Valsoia S.p.A. che ha approvato l’informativa periodica aggiuntiva al 31 marzo 2021. Il presidente Lorenzo Sassoli de Bianchi ha così commentato: “Esprimo soddisfazione per i risultati di questo primo trimestre che ci ha visti impegnati nella tutela della salute e sicurezza dei nostri collaboratori. Abbiamo migliorato i ricavi di tutti i nostri brand nonostante il confronto con la parte iniziale del lockdown, marzo 2020, che vide crescere significativamente le scorte in famiglia e presso i retailers. In questi primi mesi del 2021 abbiamo inoltre presentato al mercato numerose innovazioni nell’area salutistica ed avviato con successo la gestione della piadina Loriana. Le vendite all’estero ci danno soddisfazione proseguendo nella loro crescita e stimolandoci a velocizzare il processo di internazionalizzazione della nostra società”. 

Nel primo trimestre 2021 la società ha registrato ricavi di vendita per € 20,58 milioni rispetto a € 17,86 milioni del pari periodo 2020. L’incremento è pari a € 2,72 milioni (+15,2%) rispetto all’esercizio precedente che aveva già registrato un incremento del +14,4% sul pari trimestre 2019. Il miglioramento delle coperture distributive, la crescita del numero delle famiglie trattanti sostenute da continuativi ed importanti investimenti in “consumer marketing” ed Adv, sono alla base dell’incremento dei ricavi, unitamente all’ottima partenza nella gestione della Piadina Loriana (vedi articolo EFA News del 23-11-20). Nello specifico, il bilancio ha riportato la crescita dei ricavi di “Valsoia Bontà e Salute” e di tutta la divisione food, con particolare rilievo per la Marca Diete. Tic. Sostanzialmente positivi i consumi relativi alle Marche della Società in tutti i segmenti presidiati, sia salutistico che food, con l’eccezione di una prima normalizzazione del “sell-out” per le linee di prodotti, che durante il primo lockdown 2020 si erano avvantaggiate maggiormente dalla crescita dei consumi e dagli stock in famiglia. 

Particolarmente significativa è la crescita dei mercati nelle alternative vegetali, anche a seguito di una maggiore leggibilità della offerta a scaffale, conseguente alla riduzione assortimentale decisa dal trade con il delisting di prodotti basso rotanti. In questo contesto appare chiara la preferenza accordata dai consumatori alla marca “Valsoia Bontà e Salute” ed alle altre marche specialiste, a discapito dei followers. In linea con i piani risulta essere l’andamento della crescente distribuzione della nuova linea di integratori alimentari vegetali a marca Valsoia. Positivo anche l’inizio della distribuzione dei cerali a marca Oreo O’s. Infine, risultano ancora in ottima crescita le vendite all’estero che evidenziano nel trimestre, ricavi in aumento del +13,9% verso il pari periodo dell’esercizio precedente. La posizione finanziaria netta, in data 31 marzo 2021, risulta positiva per € 19,6 milioni, in diminuzione rispetto al corrispondente periodo dell’esercizio precedente (€ 25,1 milioni al 31 marzo 2020) in considerazione della uscita di cassa pari a circa € 13,0 milioni avvenuta a fronte della acquisizione della Piadina Loriana. Al netto dell’effetto dell’applicazione dell’Ifrs16 al 31 marzo 2021, la Pfn è pari a € 21,4 milioni.

hef - 18797

EFA News - European Food Agency
Similar