It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Pegno Rotativo: intesa tra Monte Paschi Siena e Consorzio Barolo Barbaresco Alba

Apertura di credito su sei diverse denominazioni di vini per favorire la ripresa economica

Banca Monte dei Paschi di Siena e il consorzio di tutela Barolo Barbaresco Alba Langhe e Dogliani hanno stipulato una convenzione finalizzata a favorire il pegno rotativo sul vino, sostenendo l’attività corrente nelle fasi di stoccaggio e invecchiamento, al fine ultimo di incentivare gli investimenti delle aziende associate. L’operazione si inserisce nell’insieme di attività portate avanti dalla banca nel campo agrifood, soprattutto nell’ultimo anno, come dimostra la recente iniziativa Mps Agroalimentare, nata per supportare le imprese del settore. 

La nuova convenzione permette alla banca di concedere ai produttori un affidamento per un importo massimo pari all’80% del valore del vino posto a garanzia. Dunque, a disposizione di questi ultimi vi sarà un’apertura di credito in conto corrente finalizzata a dare liquidità alle cantine con uno strumento innovativo che valorizza l’importante asset del vino in affinamento. L’accordo garantisce tassi d’interesse stabili per l’intero periodo al fine di favorire il processo di valorizzazione della produzione vitivinicola dei vini: Barolo Docg, Barbaresco Docg, Dolcetto D’Alba Doc, Barbera D’Alba Doc, Nebbiolo D’Alba Doc e Langhe Nebbiolo Doc. 

Il consorzio ha invece il compito di garantire la stabilità del valore del vino per sostenere la domanda del prodotto, mantenendone la notorietà e il valore associato a un marchio di qualità. “Questo accordo con banca Monte dei Paschi va ad integrare l’offerta di strumenti a sostegno degli investimenti e della liquidità per le nostre cantine associate, tutelando il valore dei vini Docg e Doc. Una misura snella ed efficace per affrontare al meglio le sfide che attendono il settore enologico da adesso in avanti”, commenta Matteo Ascheri, presidente del consorzio Barolo Barbaresco. 

Il pegno rotativo sui prodotti agricoli e alimentari a denominazione di origine protetta (Dop) o a indicazione geografica protetta (Igp) è uno strumento finanziario rivolto al comparto del vino, introdotto dal decreto cura Italia del 2020 e predisposto con l’emanazione del decreto attuativo del Mipaaf (ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali) per far fronte alla grave crisi di liquidità delle imprese agricole singole o associate dovuta all’emergenza sanitaria esplosa nel 2020 e ancora in atto. Misura finanziaria ormai rodata nel settore lattiero-caseario e in quello dei prosciutti di qualità, il pegno rotativo è ora esteso anche ai prodotti vitivinicoli per gestire le emergenze del comparto derivate dalla crisi Covid-19. Secondo la nuova normativa l’azienda produttrice può sostituire le merci sottoposte al pegno con altre senza la necessità di rinegoziare il prestito puntando sulla qualità del vino certificato. Un pegno “rotativo”, quindi, dove la disponibilità del bene rimane in capo al viticoltore.

hef - 20110

EFA News - European Food Agency
Similar