It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Nuovo Dpcm, aziende vitinicole ancora nel mirino

Boscaini (Federvini): “Il nuovo lockdown a macchia di leopardo provocherà un impatto ancora più devastante"

Il nuovo Dpcm, che inasprisce ulteriormente le restrizioni, rischia seriamente di dare il colpo finale ad un comparto già prostrato nell’anno peggiore di sempre. Le nuove norme che limitano ulteriormente gli spostamenti e rendono ancora più problematica l’apertura dei pubblici esercizi, al di là dei colori abbinati alle diverse regioni, si concentrano ancora una volta su settori produttivi ben precisi.

“La perenne incertezza che accomuna cittadini ed aziende aumenta il disagio a tutti i livelli” dichiara Sandro Boscaini, presidente di Federvini. “Il nuovo lockdown a macchia di leopardo provocherà un impatto sulle nostre aziende ancora più devastante. Un esempio per tutti: avevamo ipotizzato una riduzione intorno al 30% del fatturato delle nostre aziende nel fuori casa tra bar, ristoranti, locali, alberghi, sul 2020. Questa cifra oggi andrà rivista in modo deciso verso l’alto con pesanti ripercussioni sugli investimenti e sui contributi fiscali allo stato per il 2021”.

"Le principali filiere dell’agroalimentare italiano, con un valore di 40 miliardi di Euro, non possono pagare un conto così salato", denuncia la Federazione italiana industriali produttori, esportatori ed importatori di vini. 

hef - 14574

EFA News - European Food Agency
Related
Similar