It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Dicembre si conferma il "mese della solidarietà"

Le iniziative di Despar centro-sud a favore dei "nuovi poveri"

Per Despar centro-sud, dicembre si conferma il “mese della solidarietà” con una serie di iniziative solidali concrete che guideranno le comunità del mezzogiorno verso un Natale diverso, ma ancor più denso di significato.

Si parte dalla "Colletta Alimentare 2020", l’iniziativa promossa dal Banco Alimentare in tutta Italia conclusa l’8 dicembre, alla quale il Gruppo ha aderito con tutti i punti vendita diretti della propria rete. La raccolta è stata sostenuta quest'anno dalla tecnologia e in particolare dalle "gift card" del valore di 2, 5 e 10 Euro che è stato possibile acquistare e convertire in prodotti alimentari per le persone in difficoltà. Le “Cene della Solidarietà”, il consueto appuntamento natalizio che riunisce ogni anno intorno ad un tavolo simbolico oltre 4.000 persone in difficoltà, si trasformano quest’anno nei “Sacchi della Solidarietà”: una donazione di pacchi natalizi (oltre 3.000) chiusi sacchi di juta che Maiora, concessionaria del marchio per il centro-sud, devolverà in favore delle caritas cittadine dei comuni di Puglia, Basilicata, Calabria, Campania e Abruzzo in cui opera la propria rete (all’interno dei punti vendita diretti ed indiretti aderenti all’iniziativa). Ciascun sacco conterrà generi alimentari di prima necessità e a lunga conservazione a marchio Despar.

La pandemia da Covid-19 ha aumentato notevolmente le diseguaglianze al sud, così come evidenziato dagli ultimi rapporti della caritas italiana in cui l’incidenza dei “nuovi poveri” in Italia è balzata dal 31% al 45%: quasi una persona su due ha avuto necessità di rivolgersi alla caritas per la prima volta. In aumento anche lo stato di indigenza nelle famiglie con minori, tra le donne, tra i giovani e delle persone in età lavorativa. Pippo Cannillo, presidente e Ad dell'insegna ha commentato: "Abbiamo deciso di non rinunciare al nostro consueto appuntamento solidale, ma di cambiarne semplicemente le modalità. Insieme ai beni di prima necessità che migliaia di persone meno fortunate riceveranno, anche grazie al prezioso lavoro dei volontari caritas, vogliamo fare un augurio speciale a tutta la nostra comunità, con la certezza che supereremo questo complicato 2020 con una nuova consapevolezza: insieme, siamo più forti".

hef - 15328

EFA News - European Food Agency
Related
Similar