It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Covid, stop alle fiere zootecniche di Cremona

Sospesa la rassegna in presenza, restano le iniziative online

La grave emergenza sanitaria in atto e le conseguenti disposizioni previste dal governo hanno decretato lo stop delle fiere zootecniche internazionali di Cremona in presenza, previste dal 3 al 5 dicembre prossimo. Un appuntamento, quello presenziale, rimandato al prossimo anno. La rassegna si terrà ugualmente proponendo un calendario di convegni online che si snoderanno durante i tre giorni previsti, a cui si aggiunge la mostra zootecnica realizzata con riprese video ad hoc presso gli allevamenti che con forza ne avevano sollecitato l'organizzazione in presenza, qualora fosse stato possibile, per assistere alla sfilata dei migliori soggetti di razza Holstein, Red Holstein, Bruna e Jersey. Le riprese video daranno vita a un filmato in cui da remoto, sui canali social e su you tube, nei giorni immediatamente successivi al 5 dicembre, sarà possibile assistere alla sfilata dei soggetti in gara, che saranno valutati da due giudici internazionali designati cui spetterà il compito di assegnare il titolo di campionessa alla bovina che più delle altre risponderà ai requisiti morfologici richiesti.

Il presidente di CremonaFiere, Roberto Biloni, ha dichiarato: "In un momento tanto complesso e difficile come quello che stiamo vivendo la fiera non solo era chiamata ad un approccio responsabile, ma soprattutto a far sentire la sua presenza al fianco degli allevatori ed a consolidare proprio per la gravità del momento il suo ruolo di riferimento unico e insostituibile di un settore trainante della nostra economia, che ha continuato a produrre quando tutto il paese nella primavera scorsa si è fermato e continuerà a farlo senza rallentamenti anche in queste settimane di nuove restrizioni, garantendo il regolare approvvigionamento degli alimenti".

Il presidente spiega come il percorso intrapreso punta a una sempre maggiore valorizzazione della professionalità degli allevatori e si concretizza anche attraverso il coinvolgimento di importanti istituti di ricerca come il Crea, università come la Cattolica di Piacenza e il Politecnico di Milano, a cui si aggiungono le associazioni di riferimento del settore. "Non è un caso che CremonaFiere sia inserita nel piano di promozione del made in Italy elaborato dal ministero dello Sviluppo economico e che in collaborazione con l’Italian Trade Agency stia portando avanti le attività di internazionalizzazione coinvolgendo numerosi buyer esteri”.

hef - 14516

EFA News - European Food Agency
Related
Similar