It does not receive public funding
Editor in chief:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Bolle finanziarie/2. Il caso Beyod Meat allarma i mercati

Il titolo della società ha perso il 50% negli ultimi 5 mesi

Il "caso" Beyond Meat, l'azienda americana produttrice di fake meat a base vegetale, protagonista di un exploit in borsa al momento della quotazione, allarma i mercati a causa del crollo del 50% subito dal titolo negli ultimi 5 mesi, ma soprattutto per il rischio sui titoli certificati ad esso collegati, sui quali hanno scommesso speculatori di tutto il mondo.

Della questione si è occupato un lungo articolo del Sole 24 ore del 20 novembre ("Il caso Beyond Meat riaccende il tema dei rischi sui certificati"). Il problema non è la volatilità del titolo in sé, ma il crollo esponenziale di certificati speculativi collegati, sui quali si riversano gli investimenti spinti dal marketing vegano, dalla "moda" ambientale e dai grandi finanziatori che hanno lanciato mediaticamente Beyond Meat (come Bill Gates o Leonardo Di Caprio). Tutti ingredienti per una classica bolla finanziaria.

Come spiega sul Sole Francesca Fossatelli, fondatrice di FreeFinance, "Beyond Meat è un caso da manuale di come un titolo ad alta volatilità posta destabilizzare un certificato. La società è scivolata in borsa, sulla scia di una trimestrale negativa e per un ritardo già preventivato della ripresa post- pandemica. E un certifcato Bonus Cap collegato è passato da un prezzo di oltre 140 euro a circa 60 euro in meno di 24 ore".

L'articolo evidenzia come il titolo di Beyond Meat compare come sottostante in 67 certificati a capitale condizionamento protetto.

Il titolo di Beyond Meat oggi alle 16 quotava 77,55 dollari per azioni, rispetto ai 178 dollari del 25 gennaio 2021.

agu - 22227

EFA News - European Food Agency
Related
Similar