Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

Fondo Agroalimentare Italiano a caccia di investimenti

Raccolti 55 milioni, sponsor la holding francese Unigrains

Il Fondo Agroalimentare Italiano I ha annunciato poco prima di Natale di aver chiuso la raccolta a quota 55 milioni di euro con l'obiettivo di realizzare altri 3-4 investimenti tra diverse opportunità in fase di studio, e continuare a supportare lo sviluppo delle proprie partecipate, finanziando ulteriori operazioni di crescita per linee esterne. Il fondo, sponsorizzato da Unigrains, storica holding di investimento francese specializzata nella filiera agroalimentare, era stato lanciato nel giugno 2018 e ha già investito più di 33 milioni di euro in sei società: Trasporti Romagna (trasporti e logistica dedicati all’agroalimentare); Sfoglia Torino (nuovo leader del mercato italiano nel settore degli snack e della pasta sfoglia surgelata); Agrimola (leader europeo nella trasformazione di castagne e nella lavorazione della frutta); Sinfo One (azienda attiva nel settore dei servizi e soluzioni informatiche, in particolare per l’industria agroalimentare); Bassini 1963 – Glaxi Pane (leader italiano dei prodotti da forno surgelati); Industrial Pack (produttore di packaging di alta gamma per l’industria del lusso e dell’agroalimentare).

Fai I conta fra i propri sottoscrittori alcuni investitori istituzionali e family office francesi, italiani e svizzeri, oltre ad alcuni imprenditori italiani. Investe in quote di minoranza o maggioranza nelle pmi italiane del settore agroalimentare, con un fatturato compreso tra 10 e 150 milioni di euro. Unigrains, società l’investimento specializzata nell’agroalimentare e nell’agroindustriale, accompagna da oltre 56 anni le imprese del settore con soluzioni finanziarie su misura e investimenti in fondi. Attualmente gestisce più di 1 miliardo di euro ed è partner di oltre 120 imprese.

agu - 10131

© EFA News - European Food Agency Srl
Simili