Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

Scomparso Franco Scaramuzzi, presidente onorario dei Georgofili

Il cordoglio di Copagri e Confagricoltura

E' mancato ieri sera all'età di 93 anni dopo una lunga malattia Franco Scaramuzzi, ex-rettore dell'università di Firenze e presidente onorario dell'Accademia dei Georgofili, il centenario istituto fiorentino  che si occupa di agronomia del quale fu a capo dal 1986 al 2014. Era nato a Ferrara il 26 dicembre 1926 e si era laureato in scienze agrarie nel 1948. 

E' dunque lutto per le accademie toscane e per il mondo dell'agricoltura. Cordoglio è stato espresso da Copagri, secondo il cui presidente Franco Verrascina  l’agricoltura italiana ha perso uno dei suoi massimi esperti: "Un uomo caratterizzato da una incredibile lungimiranza che con il suo grande impegno e la sua sconfinata passione ha onorato la cultura e la scienza del nostro Paese, tanto da essere insignito di una medaglia d'oro dal presidente della Repubblica, e da essere nominato cavaliere di Gran Croce della Repubblica Italiana”. Verrascina, esprimendo profondo cordoglio e vicinanza, a nome proprio e dell’intera Confederazione, alla famiglia dell’illustre accademico, che ha guidato per quasi trent’anni la prestigiosa Accademia dei Georgofili prima di diventarne presidente onorario, ruolo che ha svolto con entusiasmo e dedizione fino all’ultimo, ha anche aggiuto: “Voglio inoltre ricordarne la grande perseveranza nonché l’incredibile bagaglio di conoscenze, qualità che gli hanno permesso di essere sempre in prima linea e di fare delle tre missioni dell'Accademia, ovvero la ricerca scientifica, il trasferimento tecnologico e la formazione, un vero e proprio mantra, che lo ha accompagnato per tutta la vita”.

Cordoglio espresso anche da Confagricoltura per voce del presidente Massimiliano Giansanti: "Il professor Scaramuzzi è stato uno studioso attento al progresso dell’agricoltura . Sono fondamentali i suoi studi sul miglioramento genetico e sulla propagazione delle specie legnose da frutto, con particolare riguardo a temi di studio della biologia applicata. Ha attivamente promosso e favorito, con il suo impegno e con i suoi studi, la crescita dell’agricoltura italiana. Confagricoltura gli è profondamente grata e vuole onorarne la memoria”.

Domani 8 gennaio alle 8:30 il feretro sarà esposto per le onoranze accademiche presso l'Aula magna dell'ateneo fiorentino, e alle 11 è previsto un momento di commemorazione alla presenza del rettore Luigi Dei. Le esequie si svolgeranno nel pomeriggio, alle 15:00, nella chiesa della Santissima Annunziata di Firenze.

NDub - 10172

© EFA News - European Food Agency Srl
Simili