Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

Nestlé, ricavi 2019 verso i 93 miliardi di franchi svizzeri

Boom dell'utile pari a 12,6 miliardi (+24%)

Nestlè cresce, ma il mercato si aspettava di più su ricavi e margini nel 2019 tanto che il titolo ha segnato un calo del 2,4% dopo la pubblicazione dei conti. L'utile netto del gruppo è risultato in linea con le attese a 12,6 mld di franchi svizzeri (+24%), favorito dalla vendita della divisione specializzata nella cura della pelle Nestlé Skin Health e di Gerber Life Insurance. I ricavi sono aumentati dell'1,2% a 92,57 miliardi di franchi svizzeri - meno del consensus degli analisti - e il margine operativo è del 17,6% dal 17% del 2018. Il debito netto risulta in calo a 27,1 miliardi dai 30,3 miliardi di fine 2018.

Tutte le categorie di prodotto, fanno sapere da Vevey, hanno realizzato una crescita positiva a livello organico. In particolare  è stato giudicato "ampio" il contributo di Purina. Anche il caffè ha avuto "una buona dinamica", sostenuto dalla forte domanda di prodotti Starbucks che vengono ora offerti in oltre 40 Paesi e nel 2019 hanno generato oltre 300 milioni di franchi di vendite aggiuntive. L'attività Acqua ha avuto, invece, "un'evoluzione moderata", che riflette la pressione dei prezzi sul segmento dei prodotti destinati al grande pubblico e una domanda modesta in Europa. La divisione Health Science ha compiuto "buoni progressi", grazie al forte sviluppo delle vendite di Medical Nutrition ed è stata a due cifre la crescita dei prodotti vegetariani e a base vegetale. 

"La crescita organica ha registrato un incremento, favorita dal mercato statunitense e dalla performance di Purina PetCare in tutto il mondo", ha puntualizzato il Ceo Mark Schneider, aggiungendo che "la redditivitá è migliorata e ha permesso di raggiungere il range atteso un anno in anticipo rispetto alle previsioni". Nestlè si aspetta un costante incremento delle vendite organiche e un'accelerazione della crescita nel biennio 2021-2022.  Quanto all'epidemia di coronavirus, la multinazionale ritiene che sia troppo presto per valutarne l'impatto economico.

agu - 10675

© EFA News - European Food Agency Srl
Simili