Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

Cina nera per Danone che rivede stime

Sul calo utili (-18%) pesa Yashili, 100 mln impatto coronavirus

Utili in calo per Danone e guidance contaminata dal coronavirus. Il risultato netto del 2019 è di 1,9 miliardi di euro, in caduta del 18%, ed è penalizzato dagli oneri operativi una tantum, tra i quali l'andamento sfavorevole degli investimenti realizzati nella cinese Yashili. Nonostante ciò, il Cda ha proposto un dividendo di 2,1 euro ad azione, per giunta superiore alla cedola di 1,94 euro proposta per il 2018. I ricavi risultano leggermente in crescita del 2,6% a 25,3 miliardi di euro. Per quest'anno il gruppo agroalimentare ha annunciato una revisione al ribasso delle stime, con una crescita dell'utile netto per azione attorno al 5% per effetto di una crescita dei ricavi attesa tra il 2% e il 4%, e prevede un impatto negativo di 100 milioni a causa del coronavirus sulle vendite del primo trimestre con la Cina, che per Danone rappresenta il secondo mercato. 

"Danone prevede che le condizioni economiche del 2020 rimangano instabili e incerte, con pressioni ulteriori sull'economia mondiale legate all'epidemia di coronavirus", fanno sapere da Parigi. La multinazionale ha annunciato investimenti nel triennio 2020-22 per 2 miliardi di euro nell'agricolatura, nel packaging (eliminazione della plastica) e nella digitalizzazione.

gva - 10824

© EFA News - European Food Agency Srl
Simili