Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

Autogrill, niente dividendo a causa dell'impatto del Covid-19

Confermati i buoni risultati 2019, ma la guidance 2020 resta incerta

La batosta del Covid-19 si abbatte anche su Autogrill, il cui cda ha oggi deciso di non distribuire il dividendo. "Alla luce del perdurare delle incertezze sul potenziale impatto del COVID-19 e sulla sua possibile durata - spiega una nota del gruppo - la guidance per l’esercizio 2020 del Gruppo Autogrill sarà annunciata quando la situazione sarà più stabile. Considerando l’incertezza generata da questa situazione, il Consiglio di Amministrazione ha adottato un approccio prudenziale e ha proposto di non distribuire il dividendo e di destinare l’utile d’esercizio a utili portati a nuovo".

Il cda ha confermato i buoni risultati 2019, già anticipati in febbraio (vedi EFA News del 10/2/2020), con ricavi a 5 miliardi di euro (+6,4%) e utile netto di 205,2 milioni, e ha pubblicato un aggiornamento sui ricavi di Gruppo alla fine della prima settimana di marzo 2020: 

- International (che rappresenta il 13% dei ricavi del Gruppo nel 2019): forte calo del traffico in Cina e Vietnam (che rappresentano l’1,5% dei ricavi di Gruppo nel 2019) dalla fine di gennaio. Nella prima settimana di marzo, l’epidemia ha portato una generale debolezza del traffico aeroportuale. Impatto negativo di circa €5-10mln sui ricavi. principalmente in Cina e Vietnam.

- Italia (che rappresenta il 20% dei ricavi di Gruppo):  prima del 22 febbraio 2020: solida performance dei ricavi. Dopo il 22 febbraio 2020: ricavi impattati dal drastico calo del traffico, dalle chiusure dei punti vendita  in alcune location e dalle restrizioni relative al servizio bar al banco, un’attività a elevato margine, oltre a limitazioni in tutta la rete di vendita con un impatto negativo di circa €10-15mln sui ricavi. Alla luce dei solidi risultati ottenuti da Autogrill Italia nel 2019 il Gruppo investirà nel 2020 €60m per rilanciare il canale autostradale italiano e sostenere la crescita futura.

- Nord America (53% dei ricavi di Gruppo): impatto contenuto e dovuto soprattutto alla riduzione dei voli internazionali. Nell’eventualità di ulteriori restrizioni sul traffico, il management a livello locale sta già defi- nendo un piano d’azione per affrontare la situazione e salvaguardare la redditività. L'impatto è negativo sui ricavi di circa €5mln, concentrato principalmente nelle ultime due settimane.

- Resto dell’Europa (14% dei ricavi del Gruppo), con impatto ridotto finora.                       

In definitiva, alla fine della prima settimana di marzo 2020 l’impatto negativo generato dal COVID-19 sui ricavi di Gruppo è stimato per un ammontare di circa €25-30mln.

Gianmario Tondato Da Ruos, Group Ceo, ha dichiarato: “Nel 2019 abbiamo conseguito solidi risultati: abbiamo raggiunto tutti i nostri target - con ricavi, EBITDA underlying e EPS reported in linea con la guidance comunicata al mercato - registrando miglioramenti in tutti gli indicatori chiave. In merito al 2020, per quanto riguarda l’escalation dell’epidemia di Coronavirus in primo luogo abbiamo predisposto le misure necessarie per salvaguardare la salute e la sicurezza dei nostri dipendenti. In relazione alle conseguenti difficoltà a livello macro economico, abbiamo messo in atto una serie di iniziative specifiche per arginare l’impatto dell’epidemia su ricavi e redditività, tra le quali la gestione degli orari di apertura, l’ottimizzazione del lavoro nei punti vendita e un controllo dei costi generali e amministrativi. Questa non è la prima volta che il nostro Gruppo si trova ad affrontare l’impatto generato da fattori esogeni sulla domanda del settore viaggi: sappiamo che viaggiare è fondamentale per la vita delle persone e crediamo che il settore si riprenderà non appena l’emergenza sarà terminata. Per questa ragione restiamo impegnati nella gestione del nostro business per creare valore nel lungo termine”.

agu - 11015

© EFA News - European Food Agency Srl
Simili