Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

Ieg: denunciamo chi vuole collegare Sigep con l'epidemia

La società che gestisce la Fiera di Rimini risponde duramente alle fake in circolazione

Ci sono molte fake in circolazione in questi giorni sulle origini della diffusione della pandemia del Covid-19 e una è stata alimentata addirittura dalla giornalista Selvaggia Lucarelli, che ha insinuato che la presenza di aziende di Whuan in fiera abbia contribuito alla creazione del primo focolaio di Codogno. Italian Exhibition Group è intervenuta sulla questione con la nota che riportiamo.

"La notizia che circola in queste ore di una vicinanza fisica fra due spazi espositivi predisposti da aziende con ragione sociale in Cina e nel nord Italia all’ultima edizione di Sigep di Rimini corrisponde al vero. Così come corrisponde al vero che a gennaio la stessa vicinanza fisica si è registrata in decine di altre fiere, in aeroporti, treni e innumerevoli posti di aggregazione. Sigep è terminato il 22 gennaio. Il paziente zero si è registrato a Codogno quattro settimane dopo. Un po’ lunga come incubazione.

Invitando tutti a un atteggiamento responsabile su temi di tale gravità, Italian Exhibition Group vigilerà con attenzione perché eventuali ulteriori notizie o supposizioni non ledano gli interessi di un mercato che rappresenta uno dei più floridi ‘made in Italy’. E non ledano quelli della Società stessa, quotata alla borsa italiana. La diffusione di informazioni prive di fondamento saranno perseguite legalmente".

agu - 11220

© EFA News - European Food Agency Srl
Simili