Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

Selex, 10% sconto extra con buoni spesa

Le insegne del Gruppo raccolgono la proposta della Presidenza del Consiglio

La proposta rivolta ai player della grande distribuzione dal presidente del Consiglio Conte, durante la conferenza stampa di sabato scorso, è stata condivisa dagli imprenditori del Gruppo che, alla messa in circolazione dei buoni spesa, garantiranno lo sconto extra del 10% sull’acquisto di generi alimentari o prodotti di prima necessità in tutti i 2.300 supermercati e gli ipermercati delle insegne nazionali e regionali

Le insegne di Selex Gruppo Commerciale, terza realtà della distribuzione moderna del Paese, con Federdistribuzione fanno propria la richiesta della Presidenza del Consiglio e sono pronte a dare un extra sconto su acquisti effettuati con i buoni spesa distribuiti dai Comuni.

La proposta rivolta ai player della grande distribuzione dal presidente del Consiglio Conte, durante la Conferenza Stampa di sabato scorso, è stata condivisa dagli imprenditori del Gruppo che, alla messa in circolazione dei buoni spesa, garantiranno lo sconto extra del 10% sull’acquisto di generi alimentari o prodotti di prima necessità in tutti i 2.300 supermercati e gli ipermercati delle insegne nazionali e regionali.

Modalità operative e procedure gestionali verranno definite nei prossimi giorni, in allineamento con Federdistribuzione, per un modus operandi che si richiede venga condiviso a livello nazionale.

Alessandro Revello, presidente Selex Gruppo Commerciale: «Le comunità nelle quali operiamo da sempre, nelle quali siamo nati e cresciuti, meritano tutto il nostro supporto. Diciamo sì alla richiesta del Governo e continuiamo, come già nelle scorse settimane, a supportare enti, ospedali e dove percepiamo esserci bisogno di una mano. Continua anche l’impegno degli oltre 30.000 addetti che operano quotidianamente nei negozi e nei centri distributivi a cui va il nostro ringraziamento per impegno e professionalità».

mtm - 11226

© EFA News - European Food Agency Srl
Simili

DistribuzioneCinquanta donne braccianti sottratte alla piaga del caporalato

Presentato il progetto di No Cap, Megamark e Rete Perlaterra

Il progetto ‘Donne braccianti contro il caporalato’ è frutto dell’intesa tra l’associazione internazionale anti-caporalato NO CAP (impegnata nel promuovere e valorizzare le aziende agricole che rispettano la legalità e i diritti dei lavoratori), il Gruppo Megamark di Trani (leader della distribuzione moderna nel Mezzogiorno con oltre 500 supermercati) e Rete Perlaterra (associazione e rete tra imprese che promuovono pratiche agroecologiche di lavoro della terra). continua