Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

Russia: forte aumento dell'import di aglio e zenzero; calano i limoni

Intanto cresce il consumo di alcolici, principalmente Vodka

Secondo Rosselkhoznadzor, l'Agenzia governativa russa di sorveglianza veterinaria e fitosanitaria, nel Paese dopo l'introduzione del regime di autoisolamento si è registrato un forte aumento delle importazioni di aglio e zenzero, mentre l'import di limoni, anch’essi classificati come prodotti per migliorare l'immunità da infezioni e malattie, sono diminuite. Secondo i dati rilasciati dall'Agenzia, dall’1 al 6 aprile la Russia ha importato 2,4 mila tonnellate di zenzero, un quantitativo di 12 volte superiore rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. Le importazioni di aglio fresco, nello stesso periodo, sono più che raddoppiate, raggiungendo un valore di 2,5 mila tonnellate, rispetto alle 1200 del 2019.

Sempre di queste ore la notizia che Nielsen ha registrato un forte aumento negli acquisti di alcolici nei grandi punti vendita russi (supermarket, ipermarket, discount) che nell’ultima settimana di marzo hanno significato il 76% della domanda d'acquisto dei beni di consumo in Russia. La crescita è iniziata contemporaneamente a quella degli altri generi alimentari, il 9-10 marzo, quando sono state emesse le prime misure restrittive per prevenire la pandemia da coronavirus. Di settimana in settimana la domanda di alcolici (principalmente vodka) è  continuata a crescere, raggiungendo il picco nell’ultima settimana di marzo del +31% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Un’analoga tendenza è stata registrata per la birra (le vendite sono cresciute del 25%), e cper il whisky (che ha avuto un picco del +47%). Le vendite di vini frizzanti sono cresciute solamente del 5%. I rappresentanti dei grandi retailer (Magnit, Lenta, Komandor, Globus) hanno confermato il trend rilevato dallo studio di Nielsen.

Clamos - 11386

© EFA News - European Food Agency Srl
Simili