Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

Vietnam ratifica l'Evfta, accordo libero scambio con l'Ue

Ambasciatore italiano ad Hanoi twitta: "Momento storico tra Ue e Vietnam"

Oggi il Vietnam ha ratificato l'European Union Vietnam Free Trade Agreement, Evfta, l'accordo di libero scambio con l'Unione europea.  In seguito all'intesa, il Vietnam ridurrà del 99% i suoi dazi all'importazione nell'arco di 10 anni e l'Ue farà lo stesso per sette anni nel quadro del patto. L'accordo elimina gli ostacoli non tariffari e aprirà agli appalti pubblici  Oltre il 94% dei deputati all'Assemblea Nazionale, che quasi sempre ratifica le proposte del governo, ha votato a favore dell'intesa. L'Evfta, che dovrebbe entrare in vigore a luglio dopo che tutti i governi lo avranno approvato, è il secondo accordo dell'Unione europea con un Paese membro dell'Associazione delle Nazioni del Sud-Est asiatico (Asean) dopo Singapore, e uno dei pochi con un Paese in via di sviluppo. Il voto di oggi fa seguito all'approvazione data dall'Ue lo scorso 12 febbraio e dal Consiglio il 30 marzo. Il Vietnam, la cui economia dipende dall'export, ha siglato più di una dozzina di accordi di libero scambio negli ultimi due decenni. 

Secondo i dati del dipartimento generale delle dogane vietnamita, nel 2019 il commercio tra la Nazione e l'Ue ha toccati i 56,45 miliardi di dollari americani. Le esportazioni del Vietnam in Europa sempre nel 2019 sono state di $ 41,5 miliardi, pari al 16% delle spedizioni del Paese nell'anno. Secondo la stampa locale che si basa su un rapporto della Banca mondiale pubblicato a maggio,  l'intesa potrebbe aumentare il prodotto interno lordo del Vietnam del 2,4% e dare all'export una spinta del 12% entro il 2030. Secondo invece le elaborazioni dell'italiana Confindustria dello scorso febbraio l'intesa potrebbe far crescere l’interscambio tra i Paesi dell’Unione e il Vietnam di 23 miliardi entro il 2035. Ad oggi il dazio medio applicato al mix di categorie merceologiche provenienti dall’Italia è del 7,2%. Nel 2018 l’Italia ha esportato in Vietnam beni per 1,3 miliardi di euro, valore in crescita del l'11,1% rispetto al 2017. Ciò ne ha fatto la terza destinazione per importanza fra i Paesi Asean (dopo Singapore e Thailandia e davanti all’Indonesia), e la 24esima al di fuori dall’Ue.   

Scrive ancora la stampa vietnamita: "I critici in Europa hanno messo in discussione il Vietnam in materia di diritti umani e del lavoro, sebbene l'accordo includa impegni in tali ambiti". In effetti. come per gli altri accordi di ultima generazione sottoscritti dall’Ue, anche quello con il Vietnam comprende un capitolo dedicato al tema della tutela ambientale e dello sviluppo sociale. Fra gli impegni assunti dal Paese in proposito figurano l’implementazione delle norme e degli standard dell’Organizzazione internazionale del lavoro (Oil). In materia ambientale, invece, le parti si impegnano ad attuare l’Accordo sul clima di Parigi.

L'intesa dovrebbe anche proteggere i prodotti alimentari e le bevande dell'Ue da imitazioni e contraffazione, come lo champagne francese, o il formaggio feta greco, o il parmigiano made in Italy.

Di questi minuti (al momento in cui scriviamo, NdR), un tweet  di Giorgio Aliberti, ambasciatore italiano ad Hanoi, in cui si legge "Mattina molto impegnata prima all'Assemblea Nazionale per assistere al voto di ratifica di Evfta/Evipa, e Convenzione ILO 105 sul lavoro forzato, quindi conferenza stampa. Il vero viaggio inizia ora con un'implementazione concreta. Pronto ad aiutare, ma la sfida dipende dal Vietnam". Aliberti ha infatti poi ospitato un briefing stampa subito dopo il voto di questa mattina. "Questo è un momento storico per il rapporto tra Ue e VN", è tornato a ripetere davanti ai giornalisti. "Nessun regalo migliore per il trentesimo anniversario delle relazioni UE-VN", ha concluso il tweet.

clm - 12104

© EFA News - European Food Agency Srl
Simili