Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Marr celebra 15 anni di quotazione

Riassunti in un video i driver della storia di successo

Marr celebra oggi l’entrata nel sedicesimo anno dalla quotazione in Borsa (segmento STAR) avvenuta nel giugno 2005. Una nota della società, leader assoluto in Italia nella distribuzione al foodservice, spiega "che in questi anni la società ha raggiunto molti traguardi, qualitativi e quantitativi, e lo stimolo, per continuare a rafforzare ed accrescere la propria posizione di leadership sul mercato delle forniture alla ristorazione extradomestica, è immutato".

In effetti, in una video grafica pubblicata sul sito, Marr ricorda che oggi ha 45mila clienti e in 15 anni la capitalizzazione di borsa è triplicata, i ricavi sono  raddoppiati, la quota di mercato è passata dall'8 al 16% e che in 20 anni anni la società del gruppo Cremonini ha realizzato 22 acquisizioni.

Risultati che permettono di affrontare la pandemia con una fiduciosa visione di lungo periodo. "Il particolare momento storico attuale - prosegue la nota - che, a causa della pandemia ha significativamente colpito le attività della ristorazione e del turismo, trova Marr preparata a rispondere alle esigenze del proprio Mercato di riferimento, come ha sempre fatto dalla sua nascita oltre 45 anni fa e come ha dimostrato di saper fare negli ultimi 15 anni. Il 2020 sarà certamente un anno difficile, con riflessi sull’andamento del titolo, ma i risultati che la Società sta registrando nelle ultime settimane sono confortanti e confermano il graduale trend di riallineamento già ipotizzato e comunicato al mercato. I positivi risultati conseguiti anche nel recente passato sono una conferma della capacità di Marr di superare le difficoltà e questo anniversario è certamente uno stimolo per continuare a migliorare anche attraverso nuovi paradigmi che vedono centrali la digitalizzazione e la sostenibilità".

Il positivo andamento della performance operativa di Marr dalla quotazione si è riflesso sull’andamento del titolo che è passato dai 6,6 euro dell’IPO a circa 20 euro a fine 2019 con un rendimento totale effettivo arricchito da significativi dividendi (circa il 4% annuo di dividend yield) a fronte di un mercato (Ftse Mib) che nello stesso periodo ha registrato una flessione del 27%. Il titolo ha ovviamente risentito dell'impatto del lockdown sulla ristorazione, ma ha già dato significativi segni di ripresa dopo le prime riaperture.

"I risultati di questi 15 anni - sottolineano l’Amministratore Delegato Francesco Ospitali e il Presidente Ugo Ravanelli - sono stati ottenuti attraverso un impegno costante e determinato da parte di tutta l’organizzazione, donne e uomini, della Società; una risorsa che, attraverso la propria competenza e specializzazione, è in grado di garantire la continuità della performance e della crescita".

Guarda il video:

red - 12322

EFA News - European Food Agency
Simili