Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

Pizza Hut, fallisce il principale franchisee americano

La Npc International,schiacciata da 900 mln di dollari di debiti, finisce in Chapter 11

Il Coronavirus ha dato il colpo definitivo a Npc International, la società che ha il maggior numero di punti Pizza Hut negli Stati Uniti con la formula del franchising, e che ha fatto richiesta di protezione in Texas con la formula del Chapter 11. Coinvolta anche la catena di ristoranti Wendy's. A pesare sui conti delle due catene di proprietà di Npc International, che danno lavoro a più di 40 mila persone, la crisi legata al coronavirus che ha aggravato una situazione già pesante dovuta alla concorrenza nel comparto della ristorazione e ha oltre 900 milioni di dollari in debiti, per i quali ha già raggiunto un pre-accordo con la maggioranza dei creditori.

Npc gestisce oltre 1.225 ristoranti con l'insegna Pizza Hut, cui si sommano oltre 385 Wendy's. La società ha fatto fatica a tenere il passo dei costi del lavoro e delle materie prime, mentre non è riuscita del tutto ad aprire il paracadute della ristorazione a domicilio.

Il ricorso al Chapter 11 non significa sia in discussione la chiusura dei ristoranti. E' infatti lo strumento che permette alla società di organizzare un piano di ristrutturazione dei debiti e di rilancio industriale. Non è neppure in discussione il destino delle altre migliaia di ristoranti a marchio Pizza Hut ma operati da altri soggetti in franchising. 

Il marchio Pizza Hut è di proprietà di Yum! Brands, la holdinge che gestisce anche Kentucky Fried Chicken e Taco Bell, marchi non coinvolti dal fallimenti di Npc International.

agu - 12451

© EFA News - European Food Agency Srl
Simili