Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

Rossopomodoro, nuova apertura a Milano

Nel quartiere Isola, con format "Come un giorno a Napoli"

Una nuova location per Rossopomodoro inaugurata oggi, nel quartiere Isola, in uno dei luoghi trendy della città Meneghina. Il nuovo Rossopomodoro di Isola si presenta con un design originale e sorprendente, ispirato ai colori e alle immagini di Napoli, ma con un mood perfettamente coerente con il quartiere e la sua vita notturna. Il forno sarà gestito dal Maestro pizzaiolo napoletano Salvatore De Crescenzo, Campione Mondiale della “Gran Coppa Rossopomodoro” 2018, che preparerà la tradizionale pizza napoletana con impasto a lunga lievitazione, caratteristica tipica della pizza del brand napoletano diffusa in tutto il mondo. 

Con oltre 100 ristoranti pizzerie in Italia e nel Mondo - di cui già 19 realizzati secondo il nuovo posizionamento del brand ispirato al claim “come un giorno a Napoli”- Rossopomodoro si conferma una delle catene più dinamiche della ristorazione italiana, puntando sulla tradizione, sulla qualità e sul servizio.

Roberto Colombo, Ad del Guppo Sebeto, che controlla il brand, ha dichiarato: “Siamo in grado di realizzare grandi cose perché crediamo nei sogni e aprire un nuovo Rossopomodoro nel quartiere di Isola è solo l’ultimo sogno che diventa realtà. Oggi segniamo un'altra tappa importante del percorso di Rossopomodoro a Milano iniziato nel 1999 con l’apertura del primo Rossopomodoro a Largo La Foppa, a cui successivamente si sono aggiunti tanti altri in tutte le zone più importanti della città: da Porta Romana ai Navigli, dalle Colonne di San Lorenzo a Brera, da San Babila alla Stazione Centrale e da oggi anche a Isola. Continueremo a portare la nostra pizza, la nostra cucina e soprattutto la nostra passione in giro per l’Italia e per il Mondo, senza smettere di pensare al futuro”.

agu - 12487

EFA News - European Food Agency
Simili

RistorazioneE.Romagna, bando per il sostegno ad agriturismi e fattorie didattiche in difficoltà

Nell'ambito del Programma di sviluppo rurale 2014-2020

Si tratta di una misura adottata dalla Regione Emilia Romagna per garantire continuità a quelle imprese che avevano attivato investimenti per la diversificazione dell’attività ma che, prima sono state costrette a chiudere le proprie attività per limitare la diffusione della pandemia e poi, hanno assistito ad una caduta sostanziale nelle prenotazioni e nelle presenze. continua