Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Finiper-Confimprese, accordo per sostenere gli operatori

Confermato pacchetto di aiuti a favore dei tenant di Piazza Portello e Il Centro

Nel corso dello scorso aprile, in piena prima emergenza Covid, il Gruppo Finiper guidato da Marco Brunelli era sceso in campo a sostegno degli operatori dei propri centri commerciali siglando un accordo con Confimprese, presieduto da Mario Resca, che rappresenta 40mila punti vendita in Italia, cancellando due mesi di canone di affitto degli spazi e contenendo le voci di spesa di gestione. Alla luce delle nuove norme restrittive e delle conseguenti influenze negative sul commercio e sulla ristorazione, il Gruppo insieme a Confimprese conferma un’ulteriore serie di agevolazioni a favore degli operatori perché "per agevolare una ripresa rapida nel prossimo futuro bisogna sostenere il presente", comunica una nota stampa.

Francesco Ioppi, direttore immobiliare di Finiper, spiega che la sofferenza del comparto del commercio e della ristorazione, non è altro che una parte e lo specchio di una più ampia negativa situazione economico-sociale che si sta delineando con sempre maggiore gravità. Le agevolazioni includono una mensilità in “free rent” riferita al mese di gennaio del prossimo anno e una serie di differimenti delle scadenze di pagamento dei trimestri che arriva fino a giugno 2021. L'attenzione è puntata soprattutto su Il Centro di Arese, che la base associativa nel 2018 ha eletto come miglior centro d’eccellenza dai Confimprese Awards e che e nel 2016 ha conseguito, per la prima volta in Italia, l'onorificenza di miglior nuovo centro commerciale del mondo ai Mapic Awards, e su Piazza Portello nel cuore di Milano, per l’elevata concentrazione di punti vendita in entrambe le gallerie.

Le agevolazioni studiate dal Gruppo a favore degli operatori sono state formalizzate per consentire ai tenant di usufruire appieno di tutte le facilitazioni poste in essere dal Governo, sia già promulgate che in fase di definizione. Come nel caso del primo accordo, infatti, le facilitazioni resteranno valide ed efficaci anche in presenza di interventi normativi futuri, da cui dovessero derivare ulteriori vantaggi economici.

hef - 15211

EFA News - European Food Agency
Simili