Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Usa. Scure dell'Antitrust sulle manipolazione dei prezzi del pollo

Tyson Foods accetta di pagare $ 221,5 milioni, Pilgrim's Pride altri 75 mln

Tyson Foods ha accettato di pagare $ 221,5 milioni per risolvere il contenzioso relativo ai prezzi della carne di pollo, precedentemente divulgato (vedi articolo EFA News del 14-1-21).
La causa è stata intentata da un gruppo di acquirenti di pollame per accuse secondo le quali, Tyson Foods avrebbe stretto un'alleanza indebita con Pilgrim’s Pride per l'aumento dei prezzi del pollo.

In una dichiarazione datata 19 gennaio, l'azienda ha definitivamente accettato di pagare l'importo per regolare la questione. L'accordo si rifletterà nei rendiconti finanziari del primo trimestre 2021 di Tyson. Secondo Reuters, l'ultimo accordo stipulato è stato quello con i cosiddetti consumatori "utenti finali". Tyson ha affermato che "Sebbene non ammetta alcuna responsabilità per le pretese addotte nel contenzioso civile antitrust Broiler, ritiene che un accordo sia nel migliore interesse della società e dei suoi azionisti”. I dettagli sul prezzo di liquidazione non sono stati resi noti. Allo stesso tempo, l'11 gennaio Pilgrim’s Pride, di proprietà principalmente della brasiliana Jbs, ha accettato di pagare 75 milioni di dollari per similari richieste.

hef - 16331

EFA News - European Food Agency
Collegate
Simili