Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Nasce il primo Wine Club in Italia personalizzato

Percorso degustativo creato ad hoc sulle esigenze di ogni utente

La pandemia ha cambiato il modo di acquistare il vino, secondo i dati Nomisma Wine Monitor nel primo semestre 2020 le vendite on line del prodotto in Italia hanno toccato quota 75,5 milioni di Euro, il doppio sul 2019. Sono tante le piattaforme virtuali che si sono attrezzate per fare fronte a questa nuova domanda di mercato, per lo più accumunate da proposta di e-commerce. Luca Branzanti e Christian Donini, attivi nel mondo del vino da oltre un ventennio e con diverse esperienze maturare in Italia e oltreconfine, hanno dato vita a My Wine Club, un club del vino che supera il “tradizionale” concetto di negozio on line. A differenza di un classico sito e-commerce, propone un percorso degustativo creato a seconda delle esigenze personali di ogni utente, attraverso la proposta di vini di piccoli produttori di alta qualità che difficilmente si trovano sul mercato. 

L’unicità del servizio sta in una selezione personalizzata disegnata ad hoc per ogni membro del club. Chi aderisce a My Wine Club infatti ha la possibilità di scegliere tra sei tipologie di proposte: "Enthusiast", per chi muove i primi passi; "Expert", per chi già conosce il mondo del vino; "Exclusive" per vini più rari e ricercati; "Sparkling", per gli amanti delle bollicine; "Natural"; "International", dedicato a vini e vitigni internazionali. Alla community si accede aderendo a una delle sei proposte con il versamento di una quota base, dopodiché si riceve a casa propria il vino in una wine box personalizzata. La quota varia a seconda della tipologia di abbonamento e dai vini richiesti.

“My Wine Club non è un sito di e-commerce bensì una community di appassionati che propone vini di qualità a un giusto prezzo", spiega Branzanti. "Qui non si entra in un sito, si mette il vino nel ‘carrello’ e lo si acquista; qui si propone periodicamente un percorso degustativo alla scoperta di vini e di vitigni autoctoni, offrendo un viaggio virtuale insieme a cantine di medio piccole dimensioni e di grande qualità. L’idea mi è arrivata dalla mia esperienza professionale, avendo vissuto gli ultimi 7 anni negli Stati Uniti dove la formula del wine club è presente con grande successo da alcuni decenni. Il blocco dei viaggi internazionali dal febbraio dello scorso anno, ha maturato l’idea di realizzare anche in Italia una community basata sull’idea di club". La sede operativa è in Romagna, a Cesena, laddove l’idea è nata, ma il wine club opera in tutti Italia e nonostante sia partito da poco più di un mese può già contare su un buon numero di associati. L’ambizione del progetto è quella di realizzare una base in ogni regione con propri referenti sul territorio.

hef - 16885

EFA News - European Food Agency
Simili