Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube

Melegatti: riparte la produzione

Ritirata la cassa integrazione per i dipendenti dell'azienda

E' stata ritirata la cassa integrazione per i 70 dipendenti fissi e 250 stagionali di Melegatti, nello stabilimento di San Giovanni Lupatotto, nel Veronese. Lo annuncia la Flai Cisl di Verona. Contemporaneamente, l'azienda ha annunciato in questi due giorni la produzione di 5.000 pezzi che saranno sfornati in un paio di giorni e poi nello stabilimento di San Giovanni Lupatoto inizierà la campagna per le colombe pasquali. E' quanto deciso, come riporta L'Arena, al termine del vertice tra azienda, sindacati e commissari del Tribunale. Per non lasciare a casa nessun operaio si stabilito di proseguire la produzione natalizia per un paio di giorno in modo da sfornare altri 5 mila dolci per lo spaccio aziendale dove i clienti giungono quotidianamente proprio per acquistare i pandori Melegatti. I dolci saranno venduti direttamente nello spaccio di San Giovanni Lupatoto (Vr).

L’annuncio della nuova cassa integrazione era arrivato esattamente una settimana fa. I lavoratori — forti per il grande supporto avuto sui social e arrabbiati per i tre stipendi arretrati ancora da incassare — non l’avevano presa bene. Molti speravano che, visto il fioccare degli ordini, il ritorno in cassa si potesse evitare. In effetti ieri i commissari hanno deciso che l’ostacolo dei prezzi bassi ai limiti della svendita nella grande distribuzione per panettoni e pandori a ridosso del Natale si potesse aggirare. Destinando i 5.000 pezzi prodotti in extremis direttamente allo spaccio aziendale.

Da chiarire l’assetto proprietario. L'azienda dovrà elaborare una proposta di rientro per i creditori. Proposta che dovrà essere accettata almeno dai titolari del 60% del debito. 


vpo - 1699

© EFA News - European Food Agency Srl