Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Roma: diventa servizio strategico la raccolta di oli usati in cucina

Da progetto sperimentale, l'iniziativa sarà via via estesa a tutti i municipi capitolini

È partita in sei nuovi Municipi di Roma la raccolta degli oli vegetali ed animali esausti dedicata alle utenze domestiche dopo il progetto sperimentale già avviato nel Municipio V (vedi notizia EFA News). Ad essere raggiunti dal servizio, secondo un cronoprogramma condiviso con i territori, sono i Municipi XIII, XV, XIV, VI, IX e IV. L’iniziativa è stata realizzata grazie al nuovo protocollo di intesa firmato con Ama e Conoe (Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli esausti) che ha voluto estendere in maniera capillare la raccolta degli oli esausti da utenze domestiche in tutto il territorio di Roma Capitale. In una seconda fase il servizio verrà esteso nei restanti Municipi di Roma. 

“Con passi piccoli ma importanti stiamo cambiando approccio alla tutela dell’ecosistema in cui viviamo. Una rivoluzione che realizziamo ogni giorno nelle nostre case, imparando a fare la raccolta differenziata, modificando le nostre abitudini di consumo. Oggi infatti sappiamo che ciò che non usiamo più può essere riutilizzato o trasformato in qualcos’altro. Con questa iniziativa aggiungiamo quindi un tassello a questo più ampio disegno: lo facciamo in modo semplice, inserendo in molti punti della città, come i mercati rionali, contenitori dove ogni cittadino può portare l’olio utilizzato in cucina. Un metodo facile, ma soprattutto utile, molto apprezzato nei territori in cui è già stato sperimentato”, ha spiegato il sindaco di Roma Virginia Raggi

“Il nuovo protocollo di intesa ha di fatto trasformato un progetto sperimentale, limitato solo ad alcuni municipi, in un servizio strategico rivolto a tutta la cittadinanza. I raccoglitori posizionati nei mercati e nelle sedi municipali si vanno così ad aggiungere a quelli attivi nei centri di raccolta, promuovendo un modello sostenibile e partecipato. Dopo l’esperienza del Municipio V infatti abbiamo deciso di concentrarci principalmente sui mercati rionali per l’importanza che essi rivestono nel tessuto sociale e produttivo della città, soprattutto in questo particolare periodo di pandemia. Sarà direttamente Ama ad occuparsi della raccolta con un ritorno importante per la città, sia in termini economici che ambientali. Ricordiamo che il recupero degli oli esausti evita il rischio di contaminazione delle acque che avverrebbe attraverso gli scarichi idrici e alimenta, al contempo, una filiera virtuosa destinata alla produzione di biocarburanti e glicerine per i saponi. Un esempio di economia circolare nella quale Ama deve tornare ad essere protagonista” ha aggiunto l’assessore ai Rifiuti e al Risanamento Ambientale Katia Ziantoni

Gli oli vegetali utilizzati in cucina potranno essere conferiti negli appositi contenitori collocati sul territorio, all’interno dei mercati rionali e, dove possibile, nelle sedi municipali. Nella pagina web del Dipartimento Tutela Ambientale sarà riportata, mediante ‘qr code’, la geolocalizzazione dei siti nei quali è attivo il servizio di raccolta degli oli. Grazie inoltre al supporto del Dipartimento Comunicazione e del Conoe l’iniziativa sarà accompagnata da un’importante campagna di informazione e sensibilizzazione per i cittadini.

“Siamo fortemente impegnati per dare ogni supporto tecnico e organizzativo alle attività di raccolta degli oli vegetali esausti presso i mercati rionali di Roma. Il recupero di questo rifiuto rappresenta una enorme risorsa se oggetto di pratiche corrette, consapevoli e costruttive. È nostro dovere costruire con i cittadini e le famiglie di Roma una coscienza collettiva improntata ai principi della salvaguardia ambientale che inizia, in prima battuta, con la sottrazione di questo rifiuto a pericolose abitudini di dismissione incontrollata. Se recuperato e rigenerato invece, anche l’olio delle cucine dei cittadini romani può diventare biodiesel. Una riconversione di un rifiuto che è un esempio concreto di quella che chiamiamo economia circolare”, ha chiarito il presidente del Conoe Tommaso Campanile

 


CTim - 17826

EFA News - European Food Agency
Collegate
Simili