Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Ue: nuovo piano per la salute colpisce la dieta Mediterranea

Summit di Coldiretti, Filiera Italia, Eat Europe e Farm Europe

Il nuovo piano Ue per la salute che divide l’Europa a tavola e minaccia ingiustamente interi settori della filiera agroalimentare made in Italy, con un pesante impatto sull’economia sarà al centro dell’incontro organizzato a Bruxelles da Coldiretti, Filiera Italia, Eat Europe e Farm Europe (diretta sulla piattaforma zoom) per domani mercoledì 24 marzo, dalle ore 9,00 con la collaborazione dei gruppi parlamentari europei Ppe, S&D e Renew Europe. Il taglio alle attività promozionali di carni e salumi ma anche la possibilità di apporre etichetta allarmistiche sulle bottiglie di vino come per le sigarette saranno al centro del confronto sul ruolo del settore agroalimentare per una buona alimentazione. 

Insieme al presidente della Coldiretti Ettore Prandini interverranno Claire Bury (direttore generale aggiunto della Dg Salute della Commissione europea), Alessandra Moretti (Mep), Paolo De Castro (Mep), Herbert Dorfmann (Mep), Irène Tolleret (Mep), Luigi Scordamaglia (consigliere delegato di Filiera Italia), Pedro Gallardo (vice-presidente Asaja), Jérome Volle (Fnsea), e Frédéric Léroy (professore dell’università di Bruxelles). 

Per l’occasione sarà presentata dalla Coldiretti la prima analisi sull’impatto sui consumi e sull’economia italiana delle indicazioni allarmistiche che la Commissione europea vorrebbe apporre sulle etichette di alcuni prodotti simbolo del made in Italy e sul primato della dieta mediterranea nel mondo e d’EuropaIl link zoom all’evento è https://zoom.us/j/92572574861

hef - 17849

EFA News - European Food Agency
Collegate
Simili

AttualitàTrattato del Quirinale: firmato accordo tra Italia e Francia

I due paesi si uniscono anche nella difesa dell’agricoltura e delle produzioni alimentari

Italia e Francia si “impegnano a sostenere, proteggere e promuovere, sia nell’Unione Europea che nei paesi terzi, a livello bilaterale, plurilaterale e multilaterale, le denominazioni d’origine e le indicazioni geografiche registrate nell’Unione Europea” per combattere i falsi a tavola che ingannano i consumatori e colpiscono duramente l’economia e l’occupazione dei due paesi. continua