Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Unito capofila di “Gelso-Net"

Progetto di agricoltura circolare per rilanciare la coltivazione di gelso in Piemonte

L’università di Torino è capofila del progetto “Gelso-Net - Filiera agroalimentare del gelso: frutto – foraggio – bachicoltura”, finanziato dalla regione Piemonte nell’ambito del programma di sviluppo rurale 2014-2020 con un importo di 625.000.000 Euro. Puntando sulla sostenibilità e l’efficienza delle risorse disponibili sul territorio regionale, Gelso-Net mira a rivisitare con un approccio innovativo la coltura del gelso con l’obiettivo di produrre sorosi (i frutti del gelso freschi e trasformati) a scopo alimentare attraverso nuovi modelli colturali, propri dell’arboricoltura intensiva; alimentare bachi da seta con foglie fresche e trasformate a fine di supportare il rilancio della bachicoltura piemontese e di una moderna “filiera seta regionale” a km zero e produrre mangimi per conigli a base di farina di foglie di gelso per ottenere un alimento funzionale che consenta la riduzione dei costi razione per gli allevatori, il miglioramento delle caratteristiche nutraceutiche della carne e risponda alle crescenti esigenze del consumatore.

In un’ottica di Circular Agriculture, Gelso-Net intende rilanciare la filiera agroindustriale del gelso da frutto e da foglia, in stretta connessione con le filiere zootecniche di produzione del baco da seta e della coniglicoltura. Il progetto si prefigge una rivisitazione fortemente innovativa della filiera del gelso, che concorra allo sviluppo integrato e sostenibile del settore agroalimentare e valorizzi gli innumerevoli servizi ecosistemici del gelso secondo criteri di ordine socio-culturale e di convenienza economica. Il progetto, di durata triennale, è sviluppato dai ricercatori del dipartimento di scienze agrarie, forestali e alimentari (Disafa) e del dipartimento di scienze veterinarie (Dsv e vede il coinvolgimento di numerose aziende piemontesi: Agrimontana Spa, l’azienda agricola Mellano Mauro, l’azienda agricola Cunigranda di Perano Danilo, l’azienda agricola Vallino Alessandro, l’azienda agricola Villa Villacolle di Fea Manuela, La Maurina società semplice agricola, e la ditta di consulenza AStudio, composta da un team di periti agrari in grado di fungere da intermediari tra l’azienda agricola e la pubblica amministrazione.

Il team di Unito, coordinato dalla prof.ssa Laura Gasco, docente di zoocolture presso il Disafa, vede la stretta collaborazione di ricercatori e docenti afferenti al Disafa e al Dsv, tra cui il prof. Gabriele Beccaro, la dott.ssa Manuela Renna, la dott.ssa Gabriella Mellano, il prof. Alberto Brugiapaglia, la dott.ssa Ilaria Biasato e il prof. Achille Schiavone. Si tratta di una compagine multi-disciplinare, avente competenze in agronomia, nutrizione animale, scienze alimentari e veterinarie, con una comprovata esperienza nei settori della gelsicoltura, della coniglicoltura e dell’allevamento di insetti.

“La produzione dei sorosi di gelso che in passato rappresentava in Italia un prodotto secondario, è oggi l’elemento su cui si può fondare un’approfondita rivisitazione dell’intera filiera in chiave moderna”, dichiara la prof.ssa Laura Gasco. “In passato, in Piemonte il gelso era coltivato per la produzione di foglie che costituivano alimento indispensabile per l’allevamento dei bachi da seta. La sericoltura, legata indissolubilmente alla coltivazione del gelso, è oggi quasi scomparsa sul territorio regionale, sebbene essa abbia contribuito per lungo tempo a fornire benessere e sostentamento per molte famiglie. Il progetto consente di riportare alla luce una produzione tradizionale come quella del baco da seta, rivisitata però in chiave innovativa, valorizzando una nuova filiera produttiva rappresentata dai sorosi, delicati e prelibati frutti de l gelso, e da una coniglicoltura più sostenibile ed attenta alle esigenze dei consumatori”.

hef - 18281

EFA News - European Food Agency
Simili