Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

L'attacco informatico alla multinazionale delle carni Jbs

Filiera Italia: “Per Usa, Cina e Russia food security priorità di sicurezza nazionale, l'Europa apra gli occhi”

La notizia è arrivata direttamente da Jbs, che ha comunicato tramite una nota di essere stato vittima di un "attacco organizzato alla sicurezza informatica". Ad essere colpiti, precisamente, sono stati i sistemi IT nordamericani e australiani. Jbs, che ha la sua sede principale in Colorado, negli Stati Uniti , ha dichiarato di aver preso "provvedimenti immediati, sospendendo tutti i sistemi interessati, informando le autorità e attivando la rete globale dell’azienda di professionisti IT ed esperti di terze parti per risolvere la situazione". Dell’attacco hacker JBS risulta ancora poco chiaro in che modo i consumatori possano essere stati coinvolti.

Secondo Filiera Italia l’attacco ai sistemi informatici della più grande azienda globale produttrice di carne e la pronta risposta del governo Usa per assicurare la piena operatività degli stabilimenti ed evitare l'interruzione delle forniture di carni alle reti distributive, dovrebbe fare riflettere. “La garanzia di un adeguato (auto)approvvigionamento agroalimentare, di carne e di altri beni di prima necessità, è, e sarà sempre più, una priorità da tutelare per ciascun paese anche in termini di sicurezza nazionale”, dice Luigi Scordamaglia, consigliere delegato di Filiera Italia. “Che a Bruxelles, in questo delicato momento di riforma della Pac, si pensi che si possa sacrificare la produzione agricola europea diventando sempre più dipendenti dalle importazioni di cibo da paesi terzi mette a rischio non solo la filiera agroalimentare europea ma anche i cittadini e la sicurezza nazionale di ciascun paese Ue”. 

L’auspicio dell'associazione è che tali eventi, e soprattutto l’attenzione sempre più strategica che paesi come Usa, Cina, Russia danno alla propria food security, facciamo aprire gli occhi all'Europa ed alla Commissione in primis, “principale responsabile da un lato del tentativo di smantellare una Pac che tuteli la produzione agricola e con essa l’autosufficienza alimentare europea e dall'altro di chiudere accordi come il Mercosur che svendono la nostra sovranità alimentare rendendoci dipendenti da paesi terzi”, conclude il consigliere delegato. 

hef - 19230

EFA News - European Food Agency
Collegate
Simili