Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Il paradosso dell'olio d'oliva: prodotto sostenibile, comunicazione acerba

Webinar di Altis (Università Cattolica) il 7 luglio 2021 dalle ore 14.30 alle 15.30

Alimento cardine della dieta mediterranea e simbolo del made in Italy a livello mondiale, l’olio d’oliva è un prodotto che, per sua natura, è sostenibile, in quanto racchiude in sé l’amore per il territorio, la passione per l’artigianalità e l’attenzione alla qualità. Ma quanto è diffusa e integrata la sostenibilità nei processi delle aziende del settore? Di questo si discuterà nel webinar "Il paradosso dell'olio d'oliva: prodotto sostenibile, comunicazione acerba", in programma per mercoledì 7 luglio 2021 dalle ore 14.30 alle 15.30. L'evento è stato organizzato da Altis - Graduate School Business & Society dell'università Cattolica del Sacro Cuore di Milano.

Durante il webinar verranno presentati e commentati i risultati di una ricerca che considera le pratiche di sostenibilità sociale e ambientale di un campione di aziende del settore olivicolo-oleario. Il lavoro di ricerca e analisi è stato svolto dai professionisti dell'area consulenza dell'alta scuola impresa e società in collaborazione con l'osservatorio europeo per l’agricoltura sostenibile (Opera) dell'università Cattolica. 

Interverranno: Stella Gubelli, responsabile area consulenza e docente incaricato di economia aziendale, Altis università Cattolica; Valentina Bramanti, responsabile rendicontazione non finanziaria, area consulenza Altis; Ettore Capri, direttore osservatorio europeo per l’agricoltura sostenibile, dipartimento di scienze e tecnologie alimentari per una filiera agro-alimentare sostenibile, università Cattolica. La partecipazione gratuita previa registrazione a questo link.

hef - 19722

EFA News - European Food Agency
Simili

Oli e condimentiMade Green in Italy: primo step per l'Aceto balsamico di Modena Igp

Pubblicata la proposta del Consorzio sull'Rcp, ora si lavora per ottenere l'applicabilità del logo

Il presidente Grosoli: "Per le nostre aziende l'Rcp è una codificazione delle buone pratiche che già vengono svolte da sempre. Ma si è avvertita la necessità di certificare questa aderenza al concetto di sostenibilità e rispetto dell'ambiente, in sintonia con le normative comunitarie ma, soprattutto, con la sensibilità dei consumatori” continua