Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Scade oggi la possibilità di aderire alla Borsa Vini in Giappone 2021

Nell'ambito della Campagna "6000 anni di vino italiano in Giappone" di Ice

Anche quest'anno l'Agenzia per il commercio estero Ice ha organizzato la Borsa Vini in Giappone all'interno della Campagna promozionale "6000 anni di vino italiano in Giappone". Come per le annualità precedenti, la Campagna si svilupperà nell'arco di un anno intero e abbraccerà tutte le iniziative dedicate ai vini italiani, anche proposte da soggetti terzi, che godranno del patrocinio nominale dell'Agenzia ICE, in collaborazione con l'Ambasciata d'Italia in Giappone.

La Borsa Vini, evento principale della Campagna, sarà realizzata anche quest'anno in modalità phygital, visto l'apprezzamento ricevuto dalle aziende per la validità della formula e il perdurare, ad oggi, delle limitazioni all'ingresso nel Paese a causa della situazione sanitaria, che non consentono la partecipazione dei rappresentanti delle aziende.

Perché partecipare. I consumatori giapponesi presentano un'elevata e diffusa competenza in ambito vitivinicolo, con grande attenzione alla qualità dei prodotti ma anche al fattore prezzo che, rispetto al passato, sta giocando un ruolo di maggiore importanza. Nel 2020 il valore delle importazioni giapponesi di vini dall'Italia è stato pari a oltre 150 milioni di euro. In valore le importazioni sono diminuite del 16,8% rispetto all'anno precedente, principalmente a causa della chiusura di ristoranti e bar a causa dell'emergenza sanitaria.

In generale le importazioni di vino in Giappone, in valore, sono diminuite del 15,3%. I primi Paesi fornitori si confermano la Francia con una quota del 55,1%, il Cile (12,0%) e l'Italia (11,6%).

La scheda di adesione da parte delle aziende italiane, aperta lo scorso 30 luglio, chiuderà oggi. Ulteriori dettagli qui.

NDub - 20428

EFA News - European Food Agency
Simili