Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Alimentare/2. Filiera Italia: “non si abbassi la guardia sulla piaga del falso made in Italy”

Mentre l'export raggiunge il record dei 50 miliardi di euro

“Le previsioni danno per certo il raggiungimento dell'obiettivo dei 50 miliardi di export agroalimentare, ma vietato abbassare la guardia su italian sounding e contraffazioni”, così Luigi Scordamaglia, consigliere delegato di Filiera Italia, commenta i dati Istat appena diffusi sull’export a livello mondo dei beni di consumo non durevoli, di cui l’alimentare rappresenta la maggior parte, che confermano un ottimo +15,2% giugno 2021 su giugno 2020 e un +11,5% sul semestre. “Un record a due cifre che salvo imprevisti consentirà al settore di mantenere la parola data a Expo 2015, nonostante i grandi stravolgimenti causati dalla pandemia in atto”. 

Alert però sulle imitazioni che ormai sono ben oltre i 100 miliardi di Euro “Peccato", prosegue infatti il consigliere, "che a fronte di questi risultati eccezionali non si arresti la piaga della diffusione del made In Italy tarocco”. Recente esempio del dilagare di questo fenomeno, il tentativo di scippo che si sta consumando in Cile, dove il consorzio statunitense Ccfn sta chiedendo la registrazione di 3 falsi delle nostre più conosciute indicazioni geografiche come Asiago, Mortadella Bologna e Parmigiano Reggiano. “Abbiamo già denunciato l'accaduto e chiesto un repentino intervento dell’Unione europea, perché il danno non è solo economico ma anche culturale e identitario”, conclude Scordamaglia.

hef - 20521

EFA News - European Food Agency
Collegate
Simili