Non riceve alcun finanziamento pubblico
Direttore responsabile:
CLARA MOSCHINI

Facebook Twitter Youtube Instagram LinkedIn

Economia circolare: Callipo valorizza gli scarti di lavorazione

In collaborazione con il dipartimento Diceam dell'università di Reggio Calabria

L’economia circolare e la sostenibilità sono al centro dell’accordo firmato dal dipartimento di ingegneria civile, energia, ambiente e materiali (Diceam) dell’università Mediterranea di Reggio Calabria e Callipo Conserve Alimentari, azienda calabrese con una storia di 108 anni nelle conserve ittiche di qualità. Una collaborazione nata con l’obiettivo di valorizzare gli scarti della lavorazione del tonno, inclusi i fanghi di depurazione, per trasformarli in prodotti ad alto valore aggiunto di omega-3, bioenergia e fertilizzanti organici. In questo modo si estende la vita utile dei prodotti e si riducono, al tempo stesso, le emissioni di Co2.

“Siamo molto orgogliosi di questo accordo di collaborazione con l’azienda Giacinto Callipo Conserve Alimentari che è una delle realtà industriali calabresi più conosciute ed apprezzate a livello nazionale ed internazionale. I temi al centro dell’accordo sono quelli dell’economia circolare blu e verde e hanno come obiettivo la trasformazione degli scarti della lavorazione industriale del tonno in nuove preziose risorse per la nutraceutica, la produzione di energia e di biofertilizzanti. Gli studenti dei corsi di laurea Diceam in ingegneria industriale ed ingegneria civile e ambientale per lo sviluppo sostenibile avranno, inoltre, la possibilità di svolgere tirocini e tesi di laurea collegati ai temi di ricerca oggetto dell’accordo”, commenta il prof. Giovanni Leonardi, direttore del dipartimento.

“Il futuro della nostra regione e del sud Italia passa anche dalla valorizzazione delle risorse che il mare ci offre ed il compito delle università e delle Imprese è fare sistema per promuovere nuovi modelli di sviluppo basati su ricerca, innovazione e sostenibilità, temi da sempre al centro della nostra visione e strategia d’impresa. La partnership con il Diceam ci offre la possibilità di supportare oggi promettenti studenti attraverso borse di ricerca e di dottorato per avere domani giovani lavoratori calabresi che, ci auguriamo, possano essere i protagonisti di nuove attività imprenditoriali ad alto tasso di innovazione”, dichiara Pippo Callipo, amministratore unico della Giacinto Callipo Conserve Alimentari.

Le attività saranno condotte dai laboratori di chimica, ingegneria sanitaria e Matees del Diceam in sinergia con il dipartimento di agraria dell’università Mediterranea ed il gruppo del dott. Mario Pagliaro dell’Istituto Cnr per lo studio dei materiali nanostrutturati di Palermo. “Grazie a questa rete di laboratori, promossa e incoraggiata dal magnifico rettore dell‘università di Reggio Calabria prof. Santo Marcello Zimbone, abbiamo recentemente presentato i primi importanti risultati sulla valorizzazione degli scarti di pesce in occasione di Slow Fish 2021 a Genova, tema su cui vi è molta attenzione considerando che si tratta di uno dei goals dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite in tema di sviluppo sostenibile. Tra le attività già sperimentate vi è ad esempio un nuovo processo sostenibile per il recupero di un olio naturale ricco di omega-3, acido eicosapentaenoico (Epa), acido docosaesaenoico (Dha), vitamina D3 e zeaxantina, partendo dagli scarti di lavorazione dell'acciuga. Il prodotto solido residuo derivante dal processo di estrazione è stato ulteriormente valorizzato per la produzione di gas metano e biofertilizzanti”, proseguono i prof. Paolo Calabrò e Francesco Mauriello, referenti scientifici dell’accordo. La partnership si svilupperà nell’arco di tre anni e i risultati della ricerca sugli scarti di lavorazione del tonno saranno utilizzati per scopi di divulgazione scientifica e didattica.

hef - 21007

EFA News - European Food Agency
Simili